Trentino, scarcerato Matteo Filla, gestore di marijuana.it: vendere semi non è reato

Pubblicato il 14 agosto 2010 17:41 | Ultimo aggiornamento: 14 agosto 2010 17:41

“Vendere semi di marijuana non è reato”: con questa motivazione il tribunale del Riesame di Trento ha scarcerato Matteo Filla, milanese di 37 anni residente ad Arco, gestore e responsabile del sito marijuana.it e di altri siti internet.

La corte ha ricordato che, secondo sentenze della Cassazione, non è illecita, mentre lo diventa la commistione di vendita di semi, e materiale che ne spieghi la coltivazione con strumenti per la coltivazione stessa, a ha così accolto le argomentazioni dell’avvocato difensore, Carlo Alberto Zaina, consulente legale dell’Aduc (l’Associazione diritti utenti e consumatori in materia di stupefacenti.

Filla, scrive il Trentino, si trova al terzo processo per episodi analoghi. Venne assolto la prima volta, nel 2007, con sentenza passata in giudicato, mentre ha in corso un altro procedimento, nel quale è stato condannato a dicembre del 2009, in attesa di appello.

Da ultimo Filla è stato accusato dal Tribunale di Rovereto di istigazione, induzione e proselitismo per la coltivazione di piante idonee alla produzione di stupefacenti, finendo in carcere per due settimane, prima della decisione del Riesame.

”Filla gestisce altri siti dove procedure e attrezzi sono disponibili – ha spiegato il suo legale – ma senza link a quello della vendita, inoltre su quello dove vende compare una finestra che ricorda come la coltivazione sia reato. Il Riesame ha osservato infine che viene punita l’istigazione all’uso, non rilevata nel caso in questione, ben distinta, tra l’altro, dalla propaganda, che costituisce un illecito amministrativo”.