Marito la spinge per il telecomando, lei batte la testa e muore dopo 10 giorni

Pubblicato il 9 Novembre 2009 17:04 | Ultimo aggiornamento: 9 Novembre 2009 17:04

CarabinieriUna banale lite domestica è stata fatale per Carmela Di Gironimo, 58 anni, morta all’ospedale di Foggia dopo 10 giorni di agonia. Il 31 ottobre la donna stava guardando la televisione nella sua casa di Lucera con il marito Giovanni Puddu: i due hanno cominciato a litigare per tenere il telecomando e ad un certo punto l’uomo ha spinto la donna, che è caduta.

La donna ha battuto la testa tra il pavimento e la parete: in un primo momento l’episodio non è sembrato grave, tanto che la signora Carmela si è recata da sola in ospedale. I medici l’hanno dimessa e la donna è tornata a casa.

Dopo qualche ora però la Di Gironimo ha accusato dei malori ed è stata ricoverata in coma per un’ematoma interno che i primi accertamenti non avevano evidenziato. Dopo 10 giorni di agonia, la donna è morta.

Puddu, 59 anni, è stato denunciato a piede libero dai carabinieri della Compagnia di Lucera per omicidio preterintenzionale. All’episodio hanno assistito anche i figli e un genero.