Marsala (Trapani), ex magistrato Antonio Spina si uccide in casa

Pubblicato il 18 maggio 2010 1:17 | Ultimo aggiornamento: 18 maggio 2010 1:26

Un giudice in pensione si è suicidato a Marsala, in provincia di Trapani. Antonio Spina, 69 anni, ex magistrato, si è tolto la vita nella sua abitazione tagliandosi le vene dei polsi e dell’inguine dopo essersi immerso nell’acqua della vasca da bagno.

A scoprire il cadavere è stata una delle due figlie che viveva con lui. Spina era stato giudice al tribunale di Marsala, poi pretore a Sciacca e infine giudice della Corte d’assise di Firenze.

A Marsala aveva presieduto il collegio giudicante del tribunale davanti al quale, tra il 1991 e il 1992, si tenne il primo importante processo alla mafia del Belice, istruito sulla base delle indagini svolte dalla Procura diretta da Paolo Borsellino. Dei sedici imputati, alla fine ne furono condannati dodici.