Marta Corti, infermiera morta a Empoli per sospetta meningite. Terzo caso

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 Marzo 2015 11:01 | Ultimo aggiornamento: 30 Marzo 2015 11:01
Marta Corti, infermiera morta a Empoli per sospetta meningite. Terzo caso

Marta Corti, infermiera morta a Empoli per sospetta meningite. Terzo caso

EMPOLI (FIRENZE) – Una infermiera di 34 anni, Marta Corti, di Vitolini di Vinci (Firenze), è morta domenica sera, all’ospedale di Empoli, per sospetta meningite. Se confermato, sarebbe il terzo decesso in poco tempo nel territorio dell’Asl 11.

Secondo quanto si apprende dalla Asl, la donna lavorava nel reparto di endoscopia dell’ospedale empolese. L’infermiera era stata ricoverata nella giornata di domenica ed è morta poco prima della mezzanotte. Solo una decina di giorni fa era morto un ragazzo di 17 anni di Montelupo Fiorentino, mentre nel febbraio aveva perso la vita un tredicenne di Cerreto Guidi.

Era stato infatti il meningococco di tipo C il responsabile della morte del 17enne di Montelupo Fiorentino (Firenze) morto all’ospedale ‘San Giuseppe’ di Empoli (Firenze) dopo poche ore di agonia. Il ragazzo non era vaccinato.

Il meningococco di tipo C è lo stesso che ha spezzato la vita del 13enne Giovanni Lotti di Cerreto Guidi (Firenze), morto per analoghe circostanze lo scorso 7 febbraio. Intanto sono oltre 150 le persone che stanno seguendo il programma di profilassi dell’azienda sanitaria empolese e dell’Asl 10 di Firenze, tra cui i suoi compagni di squadra delle giovanili dello Scandicci (Firenze). “Negli ultimi 15 anni nel territorio dell’Asl 11 si sono registrati 21 casi di meningite o sepsi da meningococco di cui 6 mortali, cioè meno di 2 casi ogni anno, in linea con i dati epidemiologici nazionali”, precisa la Asl 11 in una nota.