Mascherina obbligatoria al chiuso ma ok condizionato a discoteche e crociere. Le nuove linee guida

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 Luglio 2020 9:29 | Ultimo aggiornamento: 30 Luglio 2020 9:30
Mascherina obbligatoria ma ok eventi spazi chiusi

Mascherina obbligatoria al chiuso, in arrivo dpcm (nella foto Ansa Giuseppe Conte)

Bocca e naso sempre coperti nei luoghi chiusi, locali pubblici o meno, all’aperto senza obbligo se si riesce a rispettare il distanziamento sociale.

Il governo si avvia a prorogare le misure anti-Covid decise a metà luglio: un nuovo decreto della Presidenza del Consiglio (dpcm) confermerà le linee guida ispirate alla prudenza, a partire dalla mascherina obbligatoria al chiuso.

Ma conterrà importanti novità per un graduale ritorno alla normalità, sempre tenendo un occhio alla curva dei contagi: ripartiranno, a determinate condizioni, crociere, discoteche e fiere.

Fino a metà ottobre, l’orizzonte entro il quale è stato rinnovato lo stato di emergenza appena autorizzato dal Parlamento.

Per cui tutte le regole sanitarie che hanno consentito il contenimento del virus (no assembramenti, un metro di distanza, mascherina).

Via libera condizionato a crociere, fiere, discoteche

Il risollevarsi di pericolosi focolai (specie in alcuni paesi europei) detta la prudenza del caso, ma in linea di principio, sarà possibile organizzare gli spazi al chiuso seguendo le regole di quelli all’aperto.

E seguendo le indicazioni del Comitato tecnico-scientifico e il protocollo Oms si potranno autorizzare eventi anche con migliaia di persone (esempio gli Internazionali di tennis).

Basterà fornire tutte le informazioni relative alla capienza degli spazi, posti a sedere, numero degli ingressi, e così via: inserendo tutti i dati sul sito si riceverà la stima del numero di spettatori che si potranno accogliere.

Mascherina sempre

In ogni caso si dovrà indossare la mascherina quando si entra negli uffici pubblici, nei negozi, e nei centri commerciali. 

Rimane l’imposizione pure per musei, cinema, teatri. E ancora su treni, autobus, metropolitane.

L’esempio dei parametri adottati per il via libera che sarà concesso alle navi crociera spiega il principio ispiratore delle linee guida per questa fase.

Gli spostamenti a bordo di traghetti e aliscafi  –  segnala Fiorenza Sarzanini sul Corriere della Sera – hanno dimostrato che il rispetto rigoroso delle misure può limitare il rischio di contagio. E dunque dalla prossima settimana potranno essere organizzati anche questi viaggi.

A bordo si dovrà indossare la mascherina nei luoghi chiusi seguendo esattamente quanto accade sulla terraferma”. (fonti Ansa e Corriere della Sera)