Massa Carrara: esplode bombola in centro iperbarico, donna gravemente ustionata

Pubblicato il 24 settembre 2012 19:37 | Ultimo aggiornamento: 24 settembre 2012 19:38

MASSA CARRARA – Scoppia una bombola di ossigeno al Centro di medicina iperbarica e subacquea di Massa. Ustionata gravemente un donna di 31 anni, tecnico di laboratorio nella struttura. La ferita è arrivata al pronto soccorso con ustioni di quarto grado su tutto il corpo e durante il trasferimento d’urgenza a Pisa ha avuto un arresto cardiaco. Ora è ricoverata nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Massa. L’incidente è avvenuto in un deposito esterno al centro iperbarico dove sono custodite le bombole che servono agli impianti.

La trentunenne è arrivata cosciente al pronto soccorso dell’ospedale di Massa ed era pronta per il trasferimento al centro Grandi ustionati di Pisa quando le sue condizioni si sono aggravate. Poi, stabilizzata dai medici, è stato di nuovo predisposto il trasferimento a Pisa.

Secondo prime informazioni, sembra che la trentunenne si fosse recata nel deposito, una specie di gabbiotto, per effettuare un controllo tecnico. All’improvviso, riportano alcuni testimoni, si è udito un forte scoppio. La ragazza ha cercato di coprirsi il volto con le braccia. Gli arti superiori sono la parte del corpo più gravemente ustionata a seguito della fiammata. Sul posto oltre al 118 sono intervenuti anche i vigili del fuoco, i carabinieri, l’Asl e l’Arpat. L’area è stata posta sotto sequestro.

Il centro dove è avvenuto l’incidente è l’unico nella provincia di Massa Carrara dotato di camera iperbarica. Si tratta di una struttura privata che opera nell’area fra Toscana e Liguria, fornendo prestazioni di ossigenoterapia iperbarica ed è accreditata dalla Regione Toscana e dal Ssn.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other