Massa. Occhio nero e lividi a scuola: compagni di classe denunciano la madre

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Marzo 2014 23:05 | Ultimo aggiornamento: 20 Marzo 2014 23:05
Massa. Occhio nero e lividi a scuola: compagni di classe denunciano la madre

Massa. Occhio nero e lividi a scuola: compagni di classe denunciano la madre

MASSA CARRARA – Un occhio nero e la schiena dolorante. Così un bimbo è arrivato a scuola come ogni giorno, lui che a quelle botte ormai era abituato, tanto che si è seduto al suo banco senza dire nulla. I compagni di scuola però hanno notato qualcosa di strano e hanno chiamato gli insegnanti prima che la lezione iniziasse per raccontare cosa stesse accadendo al loro amico. La dirigente scolastica ha poi avvertito i carabinieri che hanno scoperto che a ridurre così il piccolo era stata la madre.

La vicenda risale a poco prima di Natale in una scuola elementare della provincia di Massa, ma alcuni dettagli della vicenda sono stati resi noti soltanto il 20 marzo, quando la notizia è comparsa sul quotidiano Il Tirreno. Il bambino è stato portato al pronto soccorso dai militari e quando gli è stato chiesto cosa gli fosse successo ha risposto che a ridurlo così era stata la mamma. A quel punto sono partite le indagini e il piccolo è stato immediatamente allontanato dalla donna.

Seguiti da uno psicologo, i carabinieri hanno ascoltato tutti i compagni di scuola del bambino che hanno confermato come quell’occhio tumefatto non fosse un caso isolato: non era la prima volta che il ragazzino arrivava in classe con lividi e dolori in varie parti del corpo. In particolare, uno dei compagni avrebbe raccontato che, quando andava a giocare a casa sua, aveva notato che la mamma si comportava in uno “strano modo”: “lo strattonava forte”, spesso era “cattiva” tanto che anche lui era spaventato da quella donna.

Dopo l’intervento dei carabinieri e la segnalazione al tribunale per i minorenni di Genova, il piccolo è stato per alcuni mesi in una struttura protetta e adesso è stato affidato a una famiglia massese. Ha continuato ad andare a scuola per recuperare un po’ di serenità. La madre, una donna straniera, è stata denunciata per maltrattamenti in famiglia: ai carabinieri avrebbe detto che “così stava educando suo figlio, perché così era stata educata lei, suo padre alzava le mani”. La donna è convinta di essere “nel giusto” e di non aver fatto tanto male al bambino tanto che ora si batte per riavere il figlio. Sarà il giudice a stabilire nei prossimi giorni il da farsi.