Massanzago (Padova): si sottopone a biopsia e non si risveglia dall’anestesia

di redazione Blitz
Pubblicato il 13 gennaio 2019 21:00 | Ultimo aggiornamento: 13 gennaio 2019 22:36
 Elisabetta Pelosin

Massanzago (Padova): si sottopone a biopsia, Elisabetta Pelosin non si risveglia dall’anestesia

MASSANZAGO (PADOVA) – Elisabetta Pelosin è morta a 50 anni durante una biopsia. E’ accaduto a Sandono di Massanzago, in provincia di Padova: la donna doveva sottoporsi a questo normale test di routine, ma non si è mai più risvegliata dopo l’anestesia.

La donna era originaria di Olmo di Martellago e da tempo lavorava in un maglificio nella zona industriale di Noale. Come riferisce Il Gazzettino, negli ultimi mesi aveva avuto qualche problema di salute ed era stata ricoverata a dicembre per una polmonite.

I medici, durante il ricovero avevano notato uno strano rigonfiamento su una coscia ed avevano deciso di richiedere, alla donna, degli esami più approfonditi. Lo scorso martedì Elisabetta aveva fissato un appuntamento in un centro specializzato dove era stata sedata prima di sottoporsi ad una biopsia, solo per precauzione.

A causa molto probabilmente di un‘embolia, la 50enne non si è però risvegliata.

Al momento non ci sono indagati. La vicenda ha però scosso la cittadina del Padovano, dato che la famiglia aveva perso lo scorso anno anche la sorella gemella Katia per via di un tumore al seno.

“Conosco bene la famiglia – ha detto il sindaco di Massanzago Stefano Scattolin -. I suoi figli sono stati miei allievi. Questa tragedia sconvolge tutti”. I funerali si svolgeranno lunedì 14 gennaio nella chiesa parrocchiale di Sandono.