Massimo Bossetti, l’avvocato: “Dove sono finiti i reperti dell’omicidio di Yara?”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 novembre 2018 14:37 | Ultimo aggiornamento: 22 novembre 2018 14:37
Massimo Bossetti, l'avvocato: "Dove sono finiti i reperti dell'omicidio di Yara?" (foto Ansa)

Massimo Bossetti, l’avvocato: “Dove sono finiti i reperti dell’omicidio di Yara?” (foto Ansa)

ROMA – Intervistato dal settimanale “Oggi”, Claudio Salvagni, l’avvocato di Massimo Bossetti, lancia l’allarme per i reperti: “Dove sono finiti i reperti che riguardano l’omicidio di Yara? Girano voci sulla loro possibile distruzione, che sono strane e inquietanti anche perché con Bossetti non è finita”. Bossetti è stato condannato in via definitiva all’ergastolo per l’omcicidio di Yara. Ma l’avvocato punta a una revisione del processo: “Noi cominciamo le nostre indagini difensive che ci porteranno alla richiesta di revisione del processo”.

“Per le nostre indagini – dice l’avvocato – ne abbiamo assolutamente bisogno. Dagli indumenti alle scarpe al materiale genetico alle intercettazioni a tutto ciò che Yara aveva nelle tasche o addosso”. 

Quei reperti, spiega l’avvocato, potranno diventare decisivi: “Perché il progresso nei laboratori scientifici è continuo. Quello che non può essere analizzato e scoperto oggi lo diventerà sicuramente fra un anno o due. La soluzione, dopo quasi 20 anni, del giallo della contessa uccisa all’Olgiata è una conferma”. Ma davvero non si sa dove siano i reperti? “Non ce lo hanno mai detto” risponde l’avvocato.