Massimo Bossetti chiede ai giudici una nuova perizia sul Dna

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 aprile 2018 10:27 | Ultimo aggiornamento: 6 aprile 2018 10:28
bossetti lettera giudici

Massimo Bossetti è stato condannato all’ergastolo per l’omicidio di Yara Gambirasio

ROMA – Una lettera di Massimo Bossetti è stata consegnata ai giudici in vista del processo di Cassazione fissato per il prossimo 12 ottobre.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano e Ladyblitz in queste App per Android. Scaricate qui Blitz e qui Lady

L’uomo condannato all’ergastolo per l’omicidio di Yara Gambirasio si professa innocente, per l’ennesima volta. E chiede una nuova perizia sul Dna.

La lettera è arrivata alla trasmissione “Iceberg Lombardia” di Telelombardia. Tre pagine, ecco il testo integrale della missiva:

“Signori giudici, chi vi scrive è Massimo Bossetti. Una persona oggi ferita, umiliata di fronte alla sua famiglia, ai suoi figli, di fronte al mondo intero, calpestandola e spogliandola da ogni suo diritto, da ogni suo rispetto”.

“Come uomo vengo a voi per condividere questa mia condizione di “uomo” a cui è stato tolto tanto, se ormai non tutto. Tolta ogni dignità, dignità di figlio con una mamma che ormai non ha più lacrime, una famiglia che ne ha viste e vissute tante, stravolta, rovinata. Ogni volta che ho un colloquio con i miei cuccioli, figli porto per giorni il fardello della disperazione, con mia moglie che dal cuore mi dà coraggio ma dai suoi occhi traspare la tanta, immensa sofferenza”.

“Posso dire  – aggiunge – che tengo aperto il mio cuore alla speranza per i miei cari e per la mia innocenza ed è anche questo che ad ogni notte, ad ogni mattina osservando questo mondo da una finestra sempre più agli occhi miei sbarrata, cerco sempre la speranza di un momento migliore, di un giorno migliore ma le mie sofferenze, le umiliazioni, i bocconi amari che ha volte ho dovuto e continuo a trangugiare, non riescono a scivolare dal mio corpo, sono ormai troppo impressi nel mio corpo”.

“Quello che a tutti voi chiedo – conclude l’ex carpentiere di Mapello – com’è possibile per un uomo difendersi se non gli viene mai data nessuna possibilità nel potersi difendere anche solo un’onesta, sacrosanta, benedetta perizia su un dna più volte da me implorata, supplicata fino quasi a doverla chiedere in ginocchio? Io voglio tornare a sperare in questa nostra giustizia italiana, dove pone al centro il giudizio all’uomo e non i propri o grandi interessi. Cari signori giudici questo è lo sfogo, l’urlo disperato di un “uomo” che mai ha smesso nel lottare e con forza vi grida, con coraggio nel far luce illuminando quanto ancora è avvolto nell’oscurità in una sola parola: verità. Per favore date la gioia della speranza ad un “uomo” perché ad oggi la mia vita non è più vita!”.