Massimo Giuseppe Bossetti: Ris su Sim, pc e Usb. Claudio Salvagni co-avvocato

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 Giugno 2014 8:31 | Ultimo aggiornamento: 24 Giugno 2014 8:32
Massimo Giuseppe Bossetti: Ris su Sim, pc e Usb. Claudio Salvagni co-avvocato

Massimo Giuseppe Bossetti, accusato di essere il killer di Yara Gambirasio

CLUSONE – Indagini su auto e furgone di Massimo Giuseppe Bosetti, indagini sulle schede sue schede sim, sul pc e sulla chiave Usb: i Ris di Parma stanno passando al setaccio la vita dell’uomo accusato dell’omicidio di Yara Gambirasio. E intanto il suo avvocato ha scelto di farsi affiancare da un altro legale.

Fiorenza Sarzanini sul Corriere della Sera spiega in che direzione si stanno concentrando le indagini:

I vertici del pool investigativo, 60 uomini al lavoro, hanno incontrato la pm per fare il punto delle indagini e per decidere chi fa che cosa. Al Ris il compito di rivoltare come un guanto la Volvo V40 e il furgone Iveco di Bossetti, già mandati a Parma, così come i vestiti. Certo è che una minima traccia di Yara sarebbe una prova pesantissima contro di lui.

Polizia e carabinieri insieme stanno inoltre analizzando i due computer dell’indagato, le sim dei suoi telefonini e le chiavette usb, alla ricerca di tutte le possibili informazioni sulla sua vita nelle foto e nei filmati che ha custodito. Poi bisogna mettere la testa nell’intreccio di telefonate e sms mandati e ricevuti, con particolare attenzione ai momenti cruciali finiti sui giornali. E, passaggio fondamentale, vedere quali celle ha agganciato, prima e dopo il delitto. È già emerso che bazzicasse a Brembate Sopra.

Poi la questione dell’avvocato:

Nella tarda mattinata l’avvocato Silvia Gazzetti è uscita dal tribunale di Bergamo con una scatola di cartone piena di atti. Li sta fotocopiando a più riprese, per studiarsi che cosa c’è contro il suo assistito. La mole è di quattro faldoni. Ora la affianca l’avvocato Claudio Salvagni, di Como.