Massimo Strazzullo accoltella la moglie: poi fugge e rapina parrucchiera

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 febbraio 2015 11:23 | Ultimo aggiornamento: 18 febbraio 2015 11:23
Massimo Strazzullo accoltella la moglie: poi fugge e rapina parrucchiera

Massimo Strazzullo accoltella la moglie: poi fugge e rapina parrucchiera

BERGAMO – Ha accoltellato la moglie Rosetta Muscerino, ha aggredito i figli e il personale del 118 intervenuto per dare soccorso alla sua famiglia. Poi è fuggito, ha rapinato una parrucchiera ed è andato al lavoro. Massimo Strazzullo, operaio di 44 anni di Bonate Sopra, in provincia di Bergamo, è ancora in fuga e gli agenti hanno aperto la caccia all’uomo.

La furia dell’operaio si scatena martedì 17 intorno all’ora di pranzo. Prima accoltella la moglie con due fendenti, uno alla gamba e l’altro all’addome. Poi aggredisce i figli che erano intervenuti, scrive l’Eco di Bergamo:

“Dopodiché ha aggredito i loro due figli, ferendone uno alla mano destra e dando una ginocchiata dritta in viso all’altra. L’uomo s’è scagliato come una furia addosso al personale del 118 che soccorreva la moglie in mezzo alla strada. Poi Strazzullo – sporco di sangue sui vestiti, sulle mani, sul viso – è salito sulla Renault Megane di famiglia e si è dileguato. Nella mezz’ora successiva (tra le 13,30 e le 14) è stato visto due volte, per poi sparire.

In un negozio di parrucchiera di Brembate Sopra ha rapinato la titolare dell’incasso. E poi nella ditta dove lavora come capoturno, ad Almenno San Bartolomeo: qui si è lavato e, senza spiegare al titolare perché grondasse sangue, lo ha salutato”.