Matera, chiesto lo stato d’emergenza per il nubifragio: “Danni per 8 milioni di euro”

di redazione Blitz
Pubblicato il 18 Novembre 2019 19:35 | Ultimo aggiornamento: 18 Novembre 2019 19:35
Matera, chiesto lo stato d'emergenza per il nubifragio: "Danni per 8 milioni di euro"

(Foto Ansa)

MATERA  –   Ad una settimana dal nubifragio che ha reso le strade del centro storico e dei rioni Sassi torrenti di acqua, fango e detriti, la città di Matera ha ripreso regolarmente la sua vita e quantifica i danni. La prima stima parla di otto milioni di euro, ma di sicuro nei prossimi giorni crescerà ulteriormente. E, nell’attesa della dichiarazione dello stato di emergenza, richiesta dal Comune alla Regione Basilicata e al Governo, si susseguono le attestazioni di solidarietà per la Capitale europea della Cultura 2019.

Lunedì mattina, 18 novembre, è stata approvata la delibera con cui la Giunta comunale chiede ufficialmente il “riconoscimento dello stato di emergenza e di calamità naturale a causa degli eccezionali eventi atmosferici dell11 e del 12 novembre scorso”. Il provvedimento “si è reso necessario per richiedere interventi straordinari per superare le criticità e riparare i danni subiti dal patrimonio comunale pubblico e privato”.

Nella stima degli otto milioni di euro, una parte importante riguarda il sistema, spesso privo della determinante attività di prevenzione e monitoraggio, di reticoli e cisterne ipogee che consentono il deflusso e la raccolta delle acque piovane e “che meritano – ha spiegato il sindaco, Raffaello De Ruggieri – attenzione e interventi urgenti di salvaguardia”. Una delle tante difficoltà che il Comune non può affrontare con la dotazione ordinaria finanziaria. Ecco perché, spiega il sindaco, è “indispensabile che la Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Presidenza della Regione Basilicata adottino gli atti di loro competenza per aiutare la città ad affrontare gli effetti del nubifragio”. (Fonte: Ansa)