Maturità 2015, arrivano gli orali: cosa mangiare per studiare al meglio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Giugno 2015 10:04 | Ultimo aggiornamento: 25 Giugno 2015 10:05
Maturità 2015, arrivano gli orali: cosa mangiare per studiare al meglio

Maturità 2015, arrivano gli orali: cosa mangiare per studiare al meglio

ROMA – Dopo gli scritti sta arrivando il momento dell’esame orale della maturità 2015. Stress, ansia, impegno per i maturandi che devono affrontare la prova nella calda estate e alcuni cibi possono aiutarli. Il primo nemico della memoria sono i dolci, che regalano un picco di zuccheri ma meno concentrazione, meglio mangiare pasta che dà energia in maniera continuativa. Per lo sprint finale, portate con voi qualche mandorla o noce: la frutta secca riaccende nei momenti “spenti”.

Il sito Skuola.net ha stilato una lista dei 9 cibi che aiutano a studiare meglio in preparazione degli esami basandosi sui consiglio della Associazione Italiana Gastronterologi ed endoscopisti Ospedalieri (AIGO):

“#1 YOGURT CONTRO L’ANSIA

Un elemento da prima colazione che, accompagnato da frutta, muesli o pane integrale con marmellata, compone il primo pasto della giornata, che deve essere altamente nutritivo. Infatti, è scientificamente provato che fare colazione consente migliori prestazioni intellettuali. In più, uno studio recente della University of California, pubblicato su JAMA, ha mostrato per lo yogurt un benefico effetto sull’attenuazione dell’ansia, attraverso una rimodulazione della flora batterica operata dall’assunzione costante di probiotici. Saltare la colazione? Non se ne parla: vi espone a mancanza di concentrazione, maggiore stress e stanchezza durante tutta la giornata.

#2 UOVA PER NUTRIRSI

Un uovo, di tanto in tanto, può sostituire in modo eccellente lo yogurt a colazione, o essere un buon alimento per il pranzo: oltre ad essere nutriente, il tuorlo contiene vitamina B12, che ha un azione positiva sul sistema nervoso.

#3 PANE E PASTA INTEGRALI PER ENERGIA E BUONUMORE

Gli zuccheri sono benzina per il cervello, ma esistono zuccheri e zuccheri. Evitate caramelle, dolci, merendine: aumenti repentini di glucosio e insulina nel sangue provocano ipoglicemia reattiva e conseguenti cali di concentrazione, attacchi di fame, spossatezza ed irritabilità. Indispensabili invece pane e pasta, che per la loro composizione favoriscono rilassamento e buonumore. Nella versione integrale si assume il magnesio, sostanza antistress per eccellenza, ed inositolo, che accelera la risposta neuronale.

#4 LEGUMI PER EQUILIBRARSI

Anche i legumi sono utili per equilibrare il livello di zucchero nel sangue, le fibre e le sostanze contenute rallentano infatti l’assorbimento degli zuccheri. Sono poi un’ottima fonte di proteine vegetali, che assieme a pasta o riso costituiscono un’alternativa a carne e pesce.

#5 SALMONE, SGOMBRO O ARINGHE PER LA CONCENTRAZIONE

Numerosi studi mostrano che una dieta ricca di grassi di origine animale (burro, strutto, panna, formaggi, carni grasse) e di grassi vegetali idrogenati e trans (prodotti da forno, merende industriali) possono peggiorare le capacità cognitive e mnemoniche, perché tendono ad ossidare le cellule, anche quelle del cervello. I grassi e gli acidi contenuti nel pesce grasso, come per l’appunto salmone, sgombro o aringhe, hanno invece un’azione antiinfiammatoria ed antiossidante e aiutano le funzioni cognitive.

#6 CENTIRIFUGHE DI FRUTTA E VERDURA PER LA MEMORIA

Verdure, ortaggi e frutta di questa stagione possono aiutare davvero a rafforzare la memoria. La vitamina A protegge i neuroni, e la si ritrova in anguria, albicocche, cachi, melone, carote, spinaci. La vitamina C, benefica per i vasi sanguigni, migliora l’irrorazione e l’ossigenazione cerebrale, ed abbonda in fragole, lamponi, peperoni, pomodori. Una bella spremuta o centrifuga, e poi via a studiare: ricorderete tutto!!!

#7 INSALATA DI LATTUGA PER CALMARSI

La lattuga è una verdura calmante, da mangiare a cena per conciliare il sonno ed essere ben riposati per il giorno dopo. Inoltre, contribuisce inoltre all’idratazione dell’organismo, grazie al contenuto d’acqua e sali minerali (in particolare potassio e magnesio) di cui, soprattutto in estate, potreste avere carenza. Ricordate che l’idratazione delle cellule sostiene la trasmissione degli impulsi nervosi, fondamentali per studiare.

#8 NOCI, MANDORLE O NOCCIOLE CONTRO LA FAME E LO STRESS

Un jolly! Uno spezza fame eccellente. La frutta secca, grazie agli olii contenuti (a patto che non siano tostate), contribuisce a favorire la concentrazione. Contiene vitamina E, contro i radicali liberi, ed il rilassante magnesio. La frutta secca è inoltre ricca di vitamine B1, B5, B6 E B3 indispensabili per il corretto funzionamento del sistema nervoso, e contrastano ansia, insonnia e depressione.

#9 GELATO PER LA FELICITA’

Volete un break sostanzioso? A giorni alterni può esser fatto con un gelato (vero e proprio alimento, più che semplice dessert), a tutto beneficio dell’umore senza compromettere l’efficienza dello studio”.