Medici di famiglia e ospedali in sciopero il 16 dicembre

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Novembre 2015 13:49 | Ultimo aggiornamento: 3 Novembre 2015 13:50
Medici di famiglia e ospedale in sciopero il 16 dicembre

(Foto d’archivio)

ROMA – Niente medici il 16 dicembre prossimo: si salvano solo le emergenze. I dottori italiani hanno infatti indetto uno sciopero generale di 24 ore. A proclamarlo tutte le sigle sindacali del settore contro il “grave e perdurante disagio ai cittadini da politiche orientate esclusivamente ad una gestione contabile del Servizio sanitario nazionale”. Incroceranno le braccia gli ospedalieri come i medici di famiglia. 

La protesta, spiega i sindacati in un comunicato congiunto, è contro il mancato finanziamento del Fondo Sanitario Nazionale, ma è anche una risposta ai recenti provvedimenti sull’appropriatezza varati dal Governo.

“A Governo e Regioni – scrivono i diversi sindacati – chiediamo attenzione per la salute dei cittadini e consapevolezza delle pesanti e negative ripercussioni sulle liste di attesa, sull’integrazione ospedale territorio, sulle condizioni di lavoro, sulla qualità e sicurezza delle cure, sulla sperequazione esistente nell’esigibilità del diritto alla salute e nei livelli di tassazione, che derivano da un progressivo impoverimento del servizio pubblico. E di mettere fine alla intollerabile “caccia alle streghe” che prevede, panacea di ogni problema legato all’erogazione delle prestazioni sanitarie, sempre e solo sanzioni e multe a carico dei medici, capri espiatori delle colpe di decisori politici ed amministratori miopi e inadeguati”.

Già lo scorso settembre i medici italiani avevano minacciato uno sciopero contro i tagli alle prestazioni sanitarie passate dal Servizio sanitario nazionale, e avevano bollato il decreto del governo Renzi come “sbagliato”.

A settembre, infatti, il ministero della Salute aveva individuato oltre duecento prestazioni sanitarie come risonanze magnetiche, tac, esami di laboratorio e genetici e test allergologici da tagliare.