Medici in tv: dopo l’arresto di Dini, Codacons chiede comitato etico

Pubblicato il 30 Marzo 2012 17:25 | Ultimo aggiornamento: 30 Marzo 2012 17:40

FIRENZE – Creare ''un comitato etico per evitare la presenza in tv di medici ed esperti 'a scopo di lucro' e garantire la trasparenza del loro operato''. E' quanto chiede il Codacons alla Rai dopo la vicenda che ha portato agli arresti domiciliari Mario Dini, primario di chirurgia plastica e di ricostruzione estetica all'ospedale fiorentino di Careggi, e che secondo la ricostruzione degli investigatori, avrebbe favorito un'azienda nella vendita di protesi al seno all'ospedale di Careggi in cambio di apparizioni televisive.

''E' giunta l'ora di fare chiarezza sulla presenza di medici ed esperti all'interno delle trasmissioni tv – spiega il presidente di Codacons Carlo Rienzi -. Tali professionisti, apparendo sul piccolo schermo, sono in grado di influenzare una vasta platea di cittadini, e di fornire informazioni che possono modificare le scelte dei telespettatori. Per tale motivo, la loro neutralita' e obiettivita' deve essere al di sopra di ogni sospetto''.