Medici neolaureati nei pronto soccorso, la diffida del sindacato: “Pazienti a rischio”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Giugno 2019 13:30 | Ultimo aggiornamento: 28 Giugno 2019 13:30
Medici neolaureati nei pronto soccorso, la diffida del sindacato: "Pazienti a rischio"

Medici neolaureati nei pronto soccorso, la diffida del sindacato: “Pazienti a rischio”

ROMA – “La presenza di neolaureati senza pratica clinica in pronto soccorso e sulle ambulanze è un fatto gravissimo, illegale e va impedito perché mette a rischio la vita dei pazienti e riduce la sicurezza delle cure”. La forte denuncia arriva dal segretario regionale del Veneto dell’Anaao Assomed Adriano Benazzato. Intanto il sindacato nazionale, il maggiore della categoria medica, ha presentato una diffida a tutte le aziende ospedaliere italiane e alle regioni contro l’utilizzo di giovani medici senza specializzazione né concorso, reclutati da cooperative private e non valutati dalle Asl.

“A partire è stato il Veneto nel 2016, ma ora si è diffusa a macchia d’olio in tutte le regioni la pratica dei camici bianchi con contratti libero professionali a chiamata diretta o attraverso le cooperative a cui si appoggiano”, spiega Benazzato, “è una pratica incostituzionale, illegale, che le asl non possono continuare a seguire perchè viola la legge dello Stato che obbliga ai concorsi per l’impiego nel pubblico. Il ricorso a quel tipo di contratto è stato dichiarato illegittimo anche dal Consiglio di Stato”.

A quella di Benazzato, si aggiunge la testimonianza del segretario regionale di Anaao Piemonte, Chiara Rivetti: “Nella nostra regione la situazione nei pronto soccorso è molto critica. Vengono presi professionisti forniti dalle cooperative e da società. Come sindacato siamo stati chiamati da alcuni neolaureati (abilitati) molto allarmati perchè nonostante fossero stati reclutati per urgenze minori (codici bianchi e versi) si sono ritrovati a dover affrontare emergenze più gravi”.

“Addirittura – continua – in un caso un collega strutturato ha avuto un passaggio di consegne da un medico, fornito da una cooperativa, che non parlava italiano. Non si capisce come abbia potuto comunicare con i pazienti. Le cooperative non dicono i numeri, quanti medici hanno a disposizione, e purtroppo questi giovani non sono neppure ben selezionati”.

Una delle società che partecipa con frequenza agli appalti delle asl nelle regioni è la Srl romana Medical line consulting: “Abbiamo 500 medici in tutta Italia, quando vinciamo una gara garantiamo i turni che ci chiedono – spiegano dall’azienda – e la qualità del medico. Il professionista deve avere specializzazioni o equipollenze. Le tariffe variano a seconda delle specializzazioni che hanno, se fanno un turno di 12 ore arrivano a prendere 500 euro lordi. In Molise abbiamo partecipato alla gara d’appalto in aprile per fornire una serie di specialisti, ma il Commissario ha bloccato tutto. Siamo molto presenti in Piemonte e in Veneto”. (fonte Ansa)