Medicina 2018, online i risultati nominali dei test del 4 settembre

di redazione Blitz
Pubblicato il 28 settembre 2018 11:51 | Ultimo aggiornamento: 28 settembre 2018 11:51
Medicina 2018, online i risultati nominali dei test del 4 settembre

Medicina 2018, online i risultati nominali dei test del 4 settembre

ROMA – Sono stati pubblicati oggi, 28 settembre 2018, i risultati nominali del test di Medicina 2018. I risultati sono disponibili sul sito Universitaly del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Qui gli oltre 60mila candidati alla prova di ammissione all’anno accademico 2018/2019 possono sapere se hanno raggiunto il punteggio minimo per l’ingresso alla facoltà di Medicina e Chirurgia in attesa della graduatoria ufficiale che sarà pubblicata il 2 ottobre.

I candidati che hanno preso parte alla prova dello scorso 4 settembre possono accedere all’area riservata sulla piattaforma dedicata con i propri dati e visionare il proprio elaborato per conoscere il punteggio preciso. Il punteggio può essere così verificato rispetto alla graduatoria anonima pubblicata il 18 settembre scorso. 

Dei 67mila candidati al test d’ingresso 2018/2019 solo 9.779 potranno immatricolarsi. Per superare la prova bisogna aver ottenuto almeno 20 punti, anche se nelle università più richieste e prestigiose questa soglia può aumentare.

Per calcolare il voto finale dell’esame bisogna considerare 1,5 punti per una domanda esatta, 0,4 punti per una risposta errata e 0 se si è lasciato il quadratino bianco. La graduatoria finale è gestita a livello nazionale. Al momento dell’iscrizione alla prova a ciascun candidato è stato chiesto di esprimere le proprie preferenze a livello di atenei nei quali si vorrebbe entrare. In base al punteggio raggiunto e a quello richiesto dalle varie università sarà già possibile capire le possibilità di accesso, in attesa della graduatoria ufficiale che verrà pubblicata il 2 ottobre prossimo. 

Eventuali ricorsi potranno essere presentati entro 60 giorni dalla data della prova. Il ricorso può essere nazionale se riguarda irregolarità generali, collettivo locale se fatto insieme ad altri studenti per irregolarità in un singolo ateneo oppure individuale.