Mediterranea, Malta: “Accogliamo i 54 migranti salvati”. Ma è giallo. L’ong: “Ancora nessun soccorso attivato”

di Gianluca Pace
Pubblicato il 5 Luglio 2019 8:17 | Ultimo aggiornamento: 5 Luglio 2019 11:22
Mediterranea, la nave con 52 migranti a 12 miglia da Lampedusa: "Ci hanno vietato l'ingresso" (foto Ansa)

Mediterranea, la nave con 52 migranti a 12 miglia da Lampedusa: “Ci hanno vietato l’ingresso” (foto Ansa)

ROMA – No, non ci sarà un altro caso Sea Watch. O almeno così sembra.

Il governo maltese ha annunciato che una nave militare presto andrà a prendere i 54 migranti a bordo della nave Alex della ong Mediterranea. Nave battente bandiera italiana che in queste ore si era fermata a 12 miglia da Lampedusa.

Tra Malta e Italia ci sarà un vero e proprio… scambio di migranti. Forse.

5 x 1000

Mentre La Valletta accoglierà i 54 naufraghi soccorsi dalla nave Alex dell’ong Mediterranea, andandoli a prendere con una propria nave militare, d’altra parte, l’Italia prenderà 55 migranti da Malta.

“A seguito di contatti tra i governi maltese e italiano – ha comunicato il governo maltese – è stato deciso che Malta trasferirà 55 migranti, che sono stati salvati in mare al largo della Tunisia e che sono a bordo della nave Alex, a bordo di una nave delle forze armate di Malta e saranno accolti a Malta”. 

“Questo accordo – dice il governo maltese – non pregiudica la situazione in cui questa operazione ha avuto luogo e in cui Malta non ha alcuna responsabilità legale, ma fa parte di un’iniziativa che promuove uno spirito europeo di cooperazione e buona volontà tra Malta e l’Italia”.

Finita qui? No.

Non è finita qui per la portavoce di Mediterranea, Alessandra Sciurba, ha detto che al momento non c’è nessuna nave in arrivo. Anzi.

“Purtroppo – queste le parole della portavoce – non c’è nessuna nave delle forze armate in arrivo da Malta per trasbordare e prendersi in carico le 54 persone che sono a bordo del nostro veliero. Il nostro capo missione ha appena parlato con il Centro di coordinamento dei soccorsi di Roma il cui responsabile ha affermato che non c’è alcuna intenzione di organizzare il trasferimento con mezzi militari maltesi o italiani”.

La nave Alex dell’ong Mediterranea, con 54 migranti a bordo, malgrado le parole di Matteo Salvini (“Vada in Tunisia”) era arrivata alle 4 di questa mattina a 12 miglia da Lampedusa. E proprio davanti a Lampedusa si era fermata dopo l’alt di Matteo Salvini.

“Se non dirigeranno verso Malta – aveva detto Matteo Salvini – è chiaro che sarà l’ennesimo atto di disobbedienza, violenza e pirateria”.

La portavoce della ong aveva chiesto proprio l’aiuto di Malta:

“È sufficiente che le Guardie Costiere maltese e italiana organizzino con le loro motovedette il trasferimento dalle acque di Lampedusa al porto de La Valletta”. “Il veliero Alex – aveva spiegato la portavoce – non è in grado di navigare per oltre cento miglia”.

L’aiuto da Malta per fortuna in questi minuti è arrivato. O almeno così sembra. Ora quindi non resta che aspettare il trasferimento dei migranti, sempre se ci sarà, dalla nave della ong alla nave militare maltese.

Fonte: Ansa.