Melicuccà, altro che Fast and Furious. Rapina al portavalori con una…Fiat Punto. Bottino da 700mila euro

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 maggio 2019 12:14 | Ultimo aggiornamento: 2 maggio 2019 12:14
Melicuccà, rapina a un portavalori. Bottino da 700mila euro. Caccia ai malviventi (foto d'archivio Ansa)

Melicuccà, rapina a un portavalori. Bottino da 700mila euro. Caccia ai malviventi (foto d’archivio Ansa)

ROMA – Fast and Furious? No, non siamo a Los Angeles ma a Melicuccà, un piccolo centro della Piana di Gioia Tauro. E no, qui non ci sono bolidi con il quale affiancare i camion ma semplicemente una… Fiat Punto.

Tutto è successo stamattina. Un gruppo di malviventi, armati e con il volto coperto, ha rapinato un furgone di una società di trasporto valori. Bottino totale? 700mila euro. 

I rapinatori, secondo quanto si è appreso, avrebbero affiancato il furgone portavalori che stava raggiungendo alcuni uffici postali della zona e, dopo avere immobilizzato i vigilantes, sono riusciti ad appropriarsi del denaro. Subito dopo si sono allontanati dileguandosi a bordo della loro auto. Sul luogo della rapina sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Palmi che si sono subito messi sulle tracce dei rapinatori.

E ora, in tutta la zona della Piana di Gioia Tauro, è caccia ai bandini.

Appena è scattato l’allarme sono state avviate massicce battute dai carabinieri che vedono impegnati gli specialisti dei Cacciatori di Calabria e personale dei reparti territoriali dell’Arma. In volo si è alzato anche un elicottero che sta perlustrando tutta la zona. La rapina ai danni del mezzo portavalori è stata attuata da una banda formata da cinque malviventi armati e con il volto mascherato. I rapinatori, che erano a bordo di una Fiat Punto, dopo avere speronato il furgone hanno sparato anche alcuni colpi di arma da fuoco per costringere i vigilantes a fermarsi e a consegnare le somme che stavano trasportando. Dopo essersi impossessati del denaro, i malviventi si sono dati alla fuga a bordo della vettura con la quale erano arrivati. Fonte: Ansa.