Melito (Na), soldi pubblici per il Superenalotto. Il sindaco: “Se vinciamo, niente più tasse”

Pubblicato il 26 Agosto 2010 14:59 | Ultimo aggiornamento: 26 Agosto 2010 15:01

superenalottoSoldi pubblici investiti per giocare con la fortuna: il sindaco di Melito, Napoli, si è messo a giocare al Superenalotto. In caso di vincita tutti sarebbero ricchi nel suo Comune, assicura Antonio Amente, che si sbilancia e dice che verrebbero abolite anche le tasse.. Fra una settimana se tutto va bene partiranno le scommesse: la giunta dovrebbe approvare martedì 31 la delibera per avviare così le giocate due giorni dopo.

«Voglio trasformare la mia città in una piccola Montecarlo, dove tutti possono felicemente risparmiare i propri soldi», dice Amente. Secondo quanto scrive il Corriere del Mezzogiorno, ogni settimana verranno giocati cinque euro a puntata (tre in tutto per un totale di 15 euro).

«In totale abbiamo calcolato che, con questo sistema, spenderemo circa 1000 euro all’anno. Partiamo quest’anno ma proseguiremo a tempo indeterminato. La mia è un’amministrazione vincente e sono sicuro vinceremo anche al Superenalotto», spiega il primo cittadino.

«So di essere il primo in Italia ad averci pensato. Proprio perché è una cosa così originale, abbiamo fatto un sondaggio fra i cittadini e l’idea piace a tutti».

«Quest’anno siamo uno dei pochi comuni a ad aver chiuso il proprio bilancio in attivo, per la precisione con un avanzo di 250.000 euro. Queste risorse le utilizziamo per il nostro fondo di riserva ed è da qui che attingeremo», assicura ancora Amente.