Meredith, Amanda Knox al Guardian: “Sentenza è come diagnosi di cancro”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 febbraio 2014 12:43 | Ultimo aggiornamento: 8 febbraio 2014 12:43
Meredith, Amanda Knox al Guardian: "Sentenza è come diagnosi di cancro"

Amanda Knox (Foto LaPresse)

ROMA – “La sentenza di condanna per l’omicidio di Meredith Kercher mi fa sentire come se mi avessero diagnosticato un cancro”. Amanda Knox lo spiega in un’intervista al Guardian e commenta così la sua condanna a 28 anni per l’omicidio a Perugia.

La Knox è tornata all’università questa settimana, ma si sente “bloccata” e “intrappolata” dopo la sentenza del 30 gennaio scorso della Corte d’appello di Firenze, che l’ha condannata a 28 anni e sei mesi di reclusione per l’omicidio di Meredith Kercher.

Amanda, 26 anni, che si trova negli Stati Uniti e ha cominciato a frequentare l’Università di Washington, dove studia ‘scrittura creativa’, confida al giornale: “Non c’è posto dove io possa andare in cui non è noto che io sono la ragazza che è stata condannata di nuovo. E’ una cosa molto invasiva nella mia vita, ad un livello fondamentale”.