Meteo, allerta alluvioni e valanghe: le zone a rischio in Italia

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 gennaio 2018 11:23 | Ultimo aggiornamento: 9 gennaio 2018 11:23
maltempo-meteo

Meteo, allerta alluvioni e valanghe: le zone a rischio in Italia

ROMA – Allerta meteo per alluvioni e valanghe nei prossimi giorni in Italia. La perturbazione arrivata il 9 gennaio dalla Spagna ha portato piogge alluvionali che rischiano di mettere in ginocchio il nord Italia, con temporali fuori stagione soprattutto in Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta e Lombardia. Il maltempo raggiungerà entro il 10 gennaio anche Veneto e Friuli Venezia Giulia. Sulle Alpi arriveranno inoltre copiose nevicate, col pericolo di valanghe elevato. Al centro invece le temperature restano miti, con le piogge arriveranno nel corso della settimana, mentre al sud resiste il bel tempo con picchi di 23 e 25 gradi e venti di scirocco.

Lorenzo Badellino sul sito 3bmeteo.com scrive che ad essere particolarmente colpito dal maltempo è il nordovest, con abbondanti nevicate e temporali. La situazione più critica è a Sestriere, in Piemonte, dove una slavina ha travolto un condominio:

“PIEMONTE. La situazione più critica è a Sestriere, dove le abbondanti nevicate hanno provocato il distacco di una valanga ieri sera che ha colpito un edificioirrompendo all’interno dei corridoi, fortunatamente senza provocare feriti ma causando danni alla struttura portante. Sono state evacuate 29 persone che erano all’interno dell’edificio. Le scuole oggi a Sestriere rimarranno chiuse e i collegamenti con Torino sono interrotti. Interrotti anche i collegamenti con la vicina Cesana.

Le abbondanti precipitazioni delle ultime ore hanno fatto crescere il pericolo valanghe anche nell’alto Piemonte, tanto che nel Vercellese sono state chiuse a scopo precauzionale due strade in Valsesia. Si tratta della Provinciale 10 Rimasco-Rima e della Comunale della Val Vogna.

VALLE D’AOSTA. La situazione è critica in Valle d’Aosta dove continua a nevicare su praticamente tutta la regione, soprattutto sulle vallate meridionali e su quelle orientali. Cervinia è isolata da ieri per il pericolo valanghe. Isolate anche Champoluc, Cogne, Val di Rhemes, Valsavarenche e Valgrisenche. Nella notte il limite neve si è abbassato rispetto alla giornata di ieri ed è sceso sotto i 1500m e gli accumuli oltre i 2500m raggiungono ormai i 2 metri nelle zone più esposte. Il pericolo valanghe all’interno della regione è altissimo e nelle zone a sud e a est è pari a 5 (molto forte), ovvero il massimo della scala.

TEMPORALI FUORI STAGIONE – Numerosi quanto insoliti temporali fuori stagione hanno colpito Liguria, Piemonte poi anche la Lombardia occidentale, addirittura con locali intense grandinate, in particolare tra comasco e lecchese. Una situazione più tipica estiva che invernale!

MALTEMPO AL NORDEST. La perturbazione si è gradualmente estesa a Lombardia e Nordest e nella notte e ha coinvolto Trentino Alto Adige e Veneto con nevicate oltre i 1200/1500m, quota neve leggermente superiore sui rilievi friulani. Si segnalano accumuli pluviometrici intorno a 70mm sulle Prealpi Vicentine, 60mm nel Pordenonese.

NEVE ABBONDANTE ANCHE IN FRANCIA. La perturbazione non ha risparmiato nemmeno il versante francese delle Alpi con abbondanti nevicate nell’alta Savoia. Ecco la situazione a Tignes, dove il pericolo valanghe da ieri è molto elevato”.