Meteo, caldo record nella penisola iberica. La “palla bollente” diretta verso l’Italia

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 agosto 2018 13:15 | Ultimo aggiornamento: 6 agosto 2018 13:15
meteo spagna italia

Meteo, caldo record nella penisola iberica. La “palla bollente” diretta verso l’Italia

ROMA – È stato un fine settimana rovente su gran parte della Spagna e del Portogallo, che ha vissuto l’ondata di caldo africano tra le più intense degli ultimi decenni. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Tra sabato 4 e domenica 5 agosto le colonnine di mercurio hanno superato in molte città i 40°C, infrangendo diversi record.

Sono almeno 8 le località in Portogallo che hanno ritoccato verso l’alto il loro record di temperatura massima, tra cui anche Lisbona. La città lusitana ha infatti toccato i +44°C, circa 1.4°C in più rispetto al precedente record del 2017. Il caldo è risultato estremo soprattutto in diverse zone del Portogallo, tanto che sono stati censiti dei record assoluti in diverse località, fra le quali Braganca, Penhas Douradas, Castelo Branco. Eguagliato il record assoluto anche all’aeroporto di Lisbona.

In Spagna record assoluti in alcune stazioni della zona di Madrid. In tutto il Portogallo nella giornata di sabato nel 73 stazioni su 96 hanno superato i 40°C. Nello specifico toccati i 46.8°C a Alvega nel centro del Portogallo, sotto tuttavia il record nazionale di 47.4°C registrato nel 2003. Si sono toccati i 49 gradi a Siviglia e Granada, Merida e sebbene queste città siano in qualche modo più abituate al caldo di noi, queste punte sono da considerarsi eccezionali.

“Questa strana bolla di aria calda, – si legge su ilMeteo.it – come un palloncino dilatato, si è espansa verso nord fino ad insolite latitudini nel Mediterraneo e nei prossimi giorni potrebbe registrarsi un dato che per certi versi può rappresentare un record”. ”Ovvero una temperatura di +31 gradi a 1500 metri sul mar Mediterraneo  – si legge ancora sul sito – fino alla Sardegna, questo palloncino caldo potrebbe poi dilatarsi verso l’Italia nel corso della settimana”.

”Dal punto di vista squisitamente meteo, questa anomalia se da un alto farà schizzare la colonnina di Mercurio, dall’altro accentuerà i contrasti con l’aria più fresca che giunge da nordest e dai Balcani sotto forma di grandine, trombe d’aria e pure tornado e l’Italia si troverà nei prossimi giorni incastrata tra l’incudine e il martello di questa lotta tra due forze contrapposte”.