Meteo estate 2013, ancora piogge e freddo fino all’8 giugno: poi arriverà il caldo

Pubblicato il 3 Giugno 2013 10:55 | Ultimo aggiornamento: 3 Giugno 2013 10:57
Meteo, piogge e freddo fino all'8 giugno: poi arriverà l'estate

Meteo, piogge e freddo fino all’8 giugno: poi arriverà l’estate

ROMA – Maggio come novembre tra piogge e temperature più basse della media, ma da week end dell’8 e 9 giugno arriverà un assaggio di estate. Dopo una prima settimana di giugno dove il maltempo imperverserà sull’Italia, dal prossimo week end le piogge al nord saranno in agguato tutto il mese, mentre al Sud scoppierà l’estate. Queste le previsioni di Antonio Sanò, direttore del portale www.ilmeteo.it.

L’inizio della prima settimana di giugno, sempre secondo ”IlMeteo.it”, sarà piuttosto fresco e temporalesco specie sui monti e su tutto il centro-sud e sul nordovest, con l’arrivo di masse d’aria dal nord Europa. Le schiarite si apriranno sulle regioni nordorientali e sulle Isole Maggiori. Per l’arrivo di temperature quasi estive, tra i 25 e i 29°C, bisognerà attendere il successivo weekend dell’ 8-9 Giugno. L’ Italia resterà divisa per gran parte di giugno: al nord temporali anche se con temperature più alte di questi giorni sui 28°C, caldo e siccità al Centro-Sud, caldo intenso sulla Puglia, Calabria e Sicilia con 30-35°C.

Anche se l’Italia ha vissuto un maggio piovoso, si tratta di un evento raro che non è attribuibile ai cambiamenti climatici secondo Massimiliano Pasqui, meteorologo dell’Istituto di Biometeorologia del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Ibimet-Cnr).

Sul maltempo che persiste in Italia e che sta colpendo il cuore dell’Europa centrale, dalla Germania alla Repubblica Ceca, con pericolo di alluvioni, Pasqui ha spiegato: “La persistenza e l’intensità di questi fenomeni è abbastanza rara e non si vedeva da diversi decenni, soprattutto nell’Europa centrale dove di sono infranti diversi record. Ma per un singolo evento, pur se importante, non si può parlare di cambiamenti climatici. E’ piuttosto legato all’interazione delle diverse parti del pianeta, dai Tropici alla circolazione dell’aria sul Circolo polare artico”.

Pasqui ha spiegato: “Queste interazioni cambiano di anno in anno nella stagione primaverile. E questa variabilità sta diventando sempre più accentuata con il passare degli anni. Sul lungo periodo è questo fenomeno della variabilità, invece, ad essere legato ad un discorso più generale di cambiamenti climatici”.

Per l’Italia, dopo il maggio più fresco e piovoso degli ultimi anni anche la prima settimana di giugno sarà abbastanza capricciosa, con il maltempo più accentuato al nord che al centro e al sud, e per il caldo bisogneràattendere il prossimo weekend. Invece sull’Europa centrale il maltempo persisterà anche questa estate, spiega Pasqui: “Le previsioni per l’Europa centro occidentale danno indicazioni per un’estate in cui si continueranno a registrare temperature più basse e precipitazioni più alte della media stagionale. Si può tracciare un”asse di normalità” che va dalle Baleari e fino sotto la Polonia. Al di sotto del quale, cioèin Italia soprattutto al Sud e in Sicilia, Nord-Africa e isole elleniche l’estate sarà calda. Al di sopra di questo asse invece persisterà il maltempo. Fatta eccezione per la Russia Europea dove si registrerà un gran caldo”.