Meteo, weekend di pioggia in tutta Italia. E farà pure freddo…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 maggio 2019 9:43 | Ultimo aggiornamento: 25 maggio 2019 9:43
Meteo, weekend di pioggia in tutta Italia. E farà pure freddo...

Meteo, weekend di pioggia in tutta Italia. E farà pure freddo… (Ansa)

ROMA – Sarà un weekend di piogge, prima e soprattutto al Nord e poi, nel giorno delle elezioni al Centrosud e in misura minore al settentrione. E anche la prossima settimana partirà molto instabile, con un impulso freddo che potrebbe giungere nei giorni a seguire. Per l’alta pressione, quindi, bisognerà probabilmente attendere i primi di giugno.

Per il weekend, sono previsti, secondo i meteorologi di 3bmeteo.com, improvvisi acquazzoni o temporali che raggiungono il culmine nelle ore serali, sabato soprattutto al Nord e domenica al Centrosud, a causa di una nuova depressione mediterranea che dal Nord Africa raggiungerà l’Italia. Sabato, in particolare, sarà una giornata instabile al Nord, con piogge e rovesci sparsi. Il tempo sarà variabile al Centro e andrà un po’ meglio al Sud.

Domenica, sempre secondo 3bmeteo.com, sarà la giornata peggiore per il Centrosud; l’avanzamento della depressione verso il Tirreno porterà un carico di nuvolosità e piogge e rovesci che si estenderanno nell’arco del giorno a tutte le regioni. Andrà un po’ meglio al Nord, salvo locali piogge tra Liguria, basso Piemonte ed Emilia Romagna. Le temperature saranno gradevoli fino a sabato con caldo senza eccessi, mentre un nuovo calo termico è atteso domenica soprattutto al Centrosud.

5 x 1000

Il maltempo, peraltro, non è finito: la nuova settimana, secondo i meteorologi di 3bmeteo.com, “partirà molto instabile e con temperature piuttosto basse. Nei giorni a seguire potrebbe poi giungere l’ennesimo impulso freddo dal Nord Europa. Per il tanto sospirato arrivo dell’alta pressione con tempo più stabile bisognerà probabilmente attendere i primi di giugno”.

Intanto arrivano le prime indicazioni per l’estate: parlano di probabili “eventi estremi”, e di una stagione “molto secca o con forti locali precipitazioni”, mentre in Campania, già maggio è stato finora un mese “dal clima pazzo”. “Fare previsioni stagionali è difficile, per cui allarmi come ‘sarà l’estate più brutta’, vanno presi con le pinze. Ma che ci sia un rischio crescente di fenomeni estremi è un dato di fatto, spiega Antonello Pasini, docente di Fisica del clima presso l’Università Roma Tre. “La temperatura del mare sempre più alta – precisa – aumenta l’evaporazione, più vapore significa nuvole pesanti e cariche, che provocano precipitazioni più intense. Inoltre, il surriscaldamento del mare significa più energia immessa in atmosfera, scaricata sul territorio”.