Metro, bus, treni: come si viaggerà dal 4 maggio. Seduti in modo alternato, corse a numero chiuso…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 Aprile 2020 9:50 | Ultimo aggiornamento: 23 Aprile 2020 9:52
Metro, bus, treni: come si viaggerà dal 4 maggio. Seduti in modo alternato, corse a numero chiuso...

Metro, bus, treni: come si viaggerà dal 4 maggio. Seduti in modo alternato, corse a numero chiuso… (foto ANSA)

ROMA – Il 4 maggio molti di noi potranno ricominciare a spostarsi, almeno per i motivi consentiti.

Uno dei grandi dilemmi della Fase 2 però, è quello della mobilità e soprattutto dei mezzi di trasporto pubblici, che rappresentano il massimo grado di rischio per la diffusione del virus: ambienti chiusi, spesso stretti e il più delle volte sovraffollati.

La parola d’ordine continuerà ad essere la stessa e cioè distanziamento sociale, oltre che dispositivi di protezione come mascherine e guanti rigorosamente obbligatori.

Non sarà possibile fare il biglietto a bordo dei mezzi, mentre le file alle biglietterie e ai tornelli dovranno rispettare le distanze di sicurezza di almeno un metro.

In metropolitana e sull’autobus si potrà viaggiare soltanto seduti, mentre i posti in piedi non saranno disponibili.

Ci saranno dispenser di gel igienizzante e verrà favorito l’impiego di mezzi con impianti di aerazione diversificato.

Inoltre, aumenteranno le corse per cercare di sopperire alla mancanza di posti a sedere sui singoli mezzi.

Sarà molto importante la comunicazione e il servizio d’ordine, soprattutto nelle fermate della metropolitana.

display presenti nelle varie stazioni comunicheranno eventuali liste d’attesa per i treni che abbiano già raggiunto il numero massimo di posti a disposizione.

Mentre addetti delle compagnie di trasporto pubblico disciplineranno l’accesso ai mezzi. 

Dove sarà possibile si bloccherà la sbarra di ingresso fino all’ arrivo del convoglio successivo in modo che anche sulle banchine non ci sia pericolo di sovraffollamento.

Discorso diverso per i treni: il fatto che i posti a sedere si possano prenotare in anticipo favorirà di gran lunga il distanziamento sociale, con la collocazione a scacchiera dei passeggeri.

Si cercherà di alternare nei vagoni i posti a sedere, lasciando sempre uno spazio vuoto tra un passeggero e l’altro. (fonte CORRIERE DELLA SERA)