Migranti, ennesimo naufragio: decine di morti. “Eravamo su 3 gommoni, uno si è sgonfiato”

di redazione Blitz
Pubblicato il 23 luglio 2015 20:16 | Ultimo aggiornamento: 23 luglio 2015 20:16
Migranti, ennesimo naufragio. "Eravamo in 120 su 3 gommoni, uno si è sgonfiato"Migranti, ennesimo naufragio. "Eravamo in 120 su 3 gommoni, uno si è sgonfiato"

Migranti, ennesimo naufragio. “Eravamo in 120 su 3 gommoni, uno si è sgonfiato”

AUGUSTA – Decine di migranti, una quarantina secondo il racconto dei superstiti, sarebbero annegati in mare mercoledì mattina a largo delle coste libiche. Erano partiti in 120, divisi su tre gommoni, poi uno si è sgonfiato e ha cominciato ad imbarcare acqua. A raccontarlo sono stati alcuni dei sopravvissuti sbarcati giovedì pomeriggio ad Augusta dalla nave militare tedesca Holstein che ha soccorso complessivamente 283 profughi.

Sul numero delle vittime, i migranti sono discordi: si parla di 30-50 possibili morti. I superstiti del naufragio, una ottantina in tutto, sono stati raccolti da una nave mercantile prima di essere affidati alla tedesca Holstein, che ha soccorso diverse imbarcazioni nel canale di Sicilia prima di approdare al porto di Augusta.

Giovanna Di Benedetto, portavoce di Save The Children, ritiene le testimonianze finora raccolte, abbastanza affidabili:

“Abbiamo parlato con diversi di loro – spiega – e le versioni sono concordi. Ho davanti a me un ragazzo in lacrime perché ha perduto il fratello. Le vittime sarebbero tutte originarie di paesi dell’area sub sahariana”.

I 283 sbarcati ad Augusta sono profughi provenienti da Somalia, Eritrea, ma anche Benin e Mali. Sono in corso in queste ore le operazioni di identificazione sulla banchina,