Milano: africano si arrampica su albero di Natale per togliere la croce

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 dicembre 2017 20:12 | Ultimo aggiornamento: 24 dicembre 2017 20:12
albero-natale-duca-daosta

Milano: africano si arrampica su albero di Natale in piazza Duca d’Aosta per togliere la croce (foto Ansa)

MILANO – Un 21enne africano originario del Gambia si è arrampicato sull’albero di Natale in piazza Duca D’Aosta, davanti alla stazione Centrale di Milano, per togliere la croce. Il giovane, in stato di alterazione, è stato fermato prima che riuscisse nel suo intento ed è stato portato in Questura per essere identificato e denunciato. L’episodio è avvenuto il 22 dicembre ma è stato reso noto soltanto il 23.

“Dopo la porta tunisina nel bel mezzo della piazza, adesso ci mancava anche un cittadino africano che cerca di sottrarre i simboli del Natale” ha commentato Riccardo De Corato, ex vicesindaco di Milano e capogruppo di Fratelli d’Italia in Regione Lombardia. “E tutto questo – ha aggiunto – avviene nel giorno in cui Sala dice sì all’esposizione del barcone dei migranti a Milano, un’operazione che costerà 500mila euro”.

Aggiunge Paola Fucilieri sul Giornale:

Al poliziotto, che gli chiedeva per quale ragione l’avesse fatto, l’africano ha risposto «l’albero non è buono», indicando la croce. A quel punto la pattuglia delle Volanti, notando che farneticava, lo ha accompagnato in questura, all’ufficio immigrazione, dove si stava per mettere in moto la «macchina» per avviare tutte le pratiche necessarie a rimpatriarlo nel più breve tempo possibile. Nel mentre però la polizia si è accorta che il gambiano ha un regolare permesso di soggiorno rilasciatogli per ragioni di protezione internazionale dalla commissione profughi della prefettura di Brindisi. Un documento difficile da ottenere e che non si sa a quale titolo gli sia stato concesso.

Quando lo stesso profugo ha dichiarato di avere un domicilio a Ostuni, il questore ha firmato un foglio di via nel quale si dichiara l’incompatibilità della permanenza del soggetto a Milano, un provvedimento che in tempi strettissimi lo riporterà in Puglia. Infine, in attesa di tornare al Sud, ieri mattina, quando ha cominciato ad agitarsi e a incattivirsi, il gambiano è stato condotto per precauzione al Fatebenefratelli.