Milano: la felpa leghista? E’ made in China

Pubblicato il 11 Gennaio 2011 17:27 | Ultimo aggiornamento: 11 Gennaio 2011 18:07

Una felpa simile a quelle volute dalla Lega

Le magliette e le felpe con il marchio di Milano voluti e promossi dall’assessore comunale leghista al Turismo Alessandro Morelli sono prodotte nel Sud Est asiatico. La denuncia arriva dal consigliere comunale del Pd Pierfrancesco Maran. Quest’ultimo dopo aver controllato tra le etichette delle decine di prodotti targati Milano in vendita da alcuni mesi nei negozi, ha fatto la scoperta della provenienza del materiale. Le t-shirt (dai 17,90 ai 19,90 euro) sono made in Bangladesh, le felpe (39,90 euro) sono fatte in Cambogia e il set con tre palline di Natale (8 euro) vengono dalla Cina.

I prodotti erano andati a ruba anche durante le feste di Natale. ”A Milano ci sono quattromila imprese tessili – ha attaccato Maran – ci sembra imbarazzante che prodotti che portano il marchio ‘design 100% made in Milan’ siano fatte nel Sud Est asiatico. Ancor più imbarazzante che a promuoverle sia un assessore della Lega, un partito che vuole difendere il territorio, ma solo a parole”.

Oltre a chiedere la testa dell’assessore Morelli, il Pd ha puntato il dito contro la gara d’appalto per la scelta del licenziatario dei gadget con il brand Milano vinta, ironia della sorte, da un’impresa piemontese. Il capitolato, stando alle denunce dei democratici, non conterrebbe l’obbligo di valorizzare produttori milanesi e italiani come invece annunciato al momento dei lancio dei primi gadget dal sindaco Letizia Moratti. ”Delle decine di prodotti con il marchio Milano – ha concluso Maran – noi siamo certi che sia al 100% italiano solo il panettone”. Ma anche il dolce tipico milanese con il brand della città è stato infatti prodotto fuori Milano, ossia da una pasticceria vicentina.