Milano, fermato dalla polizia: in auto gli agenti trovano un’ascia, nove coltelli e manette

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Marzo 2020 16:30 | Ultimo aggiornamento: 11 Marzo 2020 16:30
Polizia, Ansa

Milano, fermato dalla polizia: in auto gli agenti trovano un’ascia, nove coltelli e manette (foto Ansa)

ROMA – Quando lo hanno fermato aveva in auto una mazza da golf, un’ascia da 600 grammi, nove coltelli di diverse dimensioni, due martelli e una cassetta degli attrezzi, un giubbotto antiproiettile, manette, un cinturone e una tanica porta carburante.

Un egiziano, di 42 anni, residente a Milano ma domiciliato in Germania, che ha raccontato agli agenti della Polizia locale di Como di essere in Italia per sostenere l’esame per la patente per autocarri, è stato denunciato anche per la violazione delle norme che regolano gli spostamenti in funzione del contenimento della diffusione del coronavirus.

La ricostruzione.

Nei pressi di largo Spluga nella città lombarda, una pattuglia dell’unità operativa Interventi sul territorio ha intimato l’alt ad una Citroen Saxo con a bordo l’immigrato il quale ha raccontato di non essere informato delle limitazioni della circolazione per l’emergenza sanitaria. In auto l’arsenale, soldi, smartphone, navigatori e computer. Recuperate anche tre coppie di targhe tedesche. Dopo aver sentito il pm di turno l’uomo è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Como per ricettazione e porto abusivo di armi. L’uomo che ha precedenti per minacce e resistenza a pubblico ufficiale ed atti osceni, è stato quindi denunciato per l’art 650 del Codice penale perché non in possesso delle giustificazioni previste dal decreto del Presidente del Consiglio (motivi di lavoro, salute o stato di necessità).

Fonte: Ansa.