Milano, immigrato accoltella a caso due persone alla Stazione Centrale

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Marzo 2019 14:37 | Ultimo aggiornamento: 12 Settembre 2019 17:25

Milano, immigrato accoltella a caso due persone alla Stazione Centrale

ROMA – Un libico di 24 anni è stato arrestato questa mattina alla stazione Centrale di Milano dai carabinieri: è accusato di lesioni gravi, di minacce aggravate e di possesso di armi atte a offendere.

Questa mattina, 8 marzo, intorno alle 6.40 il libico è entrato nel locale “Panino giusto” mentre due impiegate si stavano cambiando, ha rovistato nel negozio e ha portato via un coltello; scoperto dalle due cameriere è fuggito e, nel piazzale antistante al negozio, ha discusso con una guardia giurata.

Dopo essersi allontanato e nascosto dietro un cespuglio, è tornato con l’arma in mano che probabilmente aveva nascosto in precedenza e ha aggredito due persone nella ‘galleria delle carrozze’ della Stazione centrale.

La prima vittima è un gambiano di 20 anni che è stato ferito alla spalla mentre stava prelevando: ha riportato ferite che i medici del Fatebenefratelli hanno reputato guaribili in 10 giorni. Poco dopo ha aggredito un altro passante: in questo caso un cittadino originario della Costa d’Avorio di 30 anni; ha cercato di ferirlo all’addome ma questi si è difeso con le mani e ha riportato tagli profondi con danneggiamenti ai tendini reputati guaribili in 50 giorni dai medici della clinica Città studi.

L’ivoriano nonostante profonde ferite alle mani è comunque riuscito a fermare l’uomo fino all’arrivo dei carabinieri che lo hanno bloccato. A sua volta l’aggressore ha riscontrato un malore, è stato portato in ospedale ma poi è stato arrestato e portato in cella.

Fonte: Agi