Milano Marittima, lassativo nell’acqua dello chef, Vissani: “Cucine d’inferno, tanta rivalità”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 agosto 2017 10:39 | Ultimo aggiornamento: 20 agosto 2017 10:39
Milano Marittima, lassativo nell'acqua dello chef, Vissani: "Cucine d'inferno, tanta rivalità"

Milano Marittima, lassativo nell’acqua dello chef, Vissani: “Cucine d’inferno, tanta rivalità”

CERVIA – Versa lassativo nell’acqua dello chef di un blasonato hotel di Milano Marittima. Denunciato un aiuto cuoco. Un’azione che è avvenuta per diversi giorni. Così, lo chef è stato colpito da continui episodi d dissenteria, talmente forti da non consentirgli di portare avanti i suoi compiti in cucina. . Al seguito di mirate indagine, con tanto di immagini delle telecamere di videosorveglianza, i carabinieri della Stazione di Milano Marittima hanno accertato la colpevolezza dell’aiuto cuoco. 

Intervistato da Quotidiano.net, Gianfraco Vissani dice la sua sull’episodio: “Troppe ore di lavoro, troppo sfruttamento. Sono pochissimi quelli che accettano un posto dopo aver chiesto quanto si guadagna esattamente. Si buttano e poi vedono. Così finiscono in balìa di chef mercenari, più o meno celebri, che impongono il loro modo arrogante di lavorare e di comandare. Lo impongono anche ai proprietari, che devono far tornare i conti e pagano gli ultimi arrivati solo quando capita. Guardano Masterchef, pensano chissà che cosa, mettono il naso in una cucina e solo lì si rendono conto. Sa quanti sono quelli che dopo un giorno non si fanno più vedere? Tanti. Perché non reggono a quell’inferno”.

E ancora: “Certi comportamenti non sono sempre imprevedibili. Un cuoco dovrebbe cogliere i segnali di tensione o di conflitto. Avevo un collaboratore che piantava grane e non faceva mai quel che gli chiedevo. L’ho messo alla porta”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other