Milano/ “Sono innamorata”. Si è giustificata così l’assistente sociale arrestata per aver avuto rapporti sessuali con un tredicenne

Pubblicato il 24 Luglio 2009 13:52 | Ultimo aggiornamento: 24 Luglio 2009 13:57

Era «innamorata», a suo dire, l’assistente sociale di 30 anni arrestata a Milano per aver avuto rapporti sessuali con un tredicenne. Lo ha detto poco prima dell’arresto. Lo stesso ragazzino avrebbe ammesso dal_film_diario_di_uno_scandalodi essere stato consenziente alla relazione con l’educatrice. Poco cambia, visto che la legge punisce come violenza i rapporti con i minori che non hanno ancora compiuto i 14 anni.

La donna, trentenne, aveva una vita apparentemente regolare. Un fidanzato, trentenne, che non riesce a capacitarsi di quanto accaduto, e una cooperativa, la “Diapason”, che aveva una buona nomea. Almeno fino a ieri. Adesso il Comune ha deciso di sospendere l’erogazione di fondi alla cooperativa. Lì ha conosciuto il tredicenne, un ragazzino disagiato che le era stato affidato.

Dopo un po’ sono cominciate le frequentazioni anche al di fuori dell’orario di servizio, soprattutto a casa di lui. Dove la madre, insospettita, li ha scoperti. E, chiamando i carabinieri, ha messo la parola fine alla storia