Milano, studentessa in aula: “E’ tutto scritto nel Corano”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Dicembre 2015 8:12 | Ultimo aggiornamento: 5 Dicembre 2015 8:12
(foto Ansa)

(foto Ansa)

MILANO – Tutto avviene nell’aula magna dell’Istituto Tecnico Commerciale Schiapparelli nel centro di Milano. Due giornalisti del Corriere della Sera, di fronte a circa trecento studenti delle ultime due classi, dunque quasi tutti in età compresa tra i 17 e 19 anni, parlano di Isis e Medio Oriente. Si parla di guerra per la successione tra sunniti e sciiti. Ed è allora che interviene una studentessa musulmana, Amina: “Chi l’ha detto che sciiti e sunniti si scontrano sulla successione? Per l’Islam non ci può essere successore di Maometto. E comunque è tutto spiegato nel Corano. Non servono altri libri, il Corano spiega tutto, dice tutto”.

Un coro di applausi e urla di sostegno accompagna le parole della ragazza. “Sono una quarantina di studenti musulmani che la appoggiano sempre quando parla. Per noi è davvero difficile replicare. In genere gli studenti italiani restano zitti, non sanno bene cosa dire, non hanno argomenti” racconta Andrea, uno dei due rappresentanti degli studenti. “Forse – insistono i giornalisti del Corriere della Sera – sarebbe il caso di studiare un poco di storia delle religioni. Ricordarci che la nostra cultura europea è anche figlia del Rinascimento e dell’Illuminismo. Occorre leggere i testi di Voltaire, ricordare Rousseau, andare a rivedere le radici del pensiero laico, l’ode al dubbio di fronte al dramma delle guerre di religione che tanto sangue ha versato in Europa nei secoli scorsi”. Ma Amina con la maggior parte degli studenti che la sostiene lascia l’aula.