Milano, tensioni a corteo antifascista: cariche delle forze dell’ordine

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 febbraio 2018 16:16 | Ultimo aggiornamento: 24 febbraio 2018 16:16
milano corteo polizia

Milano, tensioni a corteo antifascista: cariche delle forze dell’ordine

MILANO – Tensioni tra manifestanti e forze dell’ordine al presidio antifascista di Milano. Un gruppo di partecipanti ha tentato di forzare un cordone di polizia al limitare di largo La Foppa per entrare in via Volta dando vita ad un corteo. Ne è nato un tafferuglio, durante il quale la polizia ha messo in atto una carica di alleggerimento, che avrebbe causato alcuni contusi.

I manifestanti, che hanno acceso alcuni lacrimogeni e fatto esplodere bombe carta, stanno scandendo slogan contro le forze dell’ordine, schierate in assetto antisommossa. Dietro allo striscione che apre lo schieramento degli antifascisti, i manifestanti si proteggono con alcuni gommoni gonfiabili di plastica.

Alla manifestazione degli antifascisti, che non aveva il permesso di muoversi da largo La Foppa, sono anche presenti alcuni esponenti dei centri sociali.

Intanto è partito da Porta Venezia il corteo dei sostenitori della Lega, che si conclude in piazza Duomo con un comizio del segretario Matteo Salvini. Il corteo è aperto da uno striscione ‘Prima gli italiani’ ma è costellato anche di bandiere autonomiste. Presenti il presidente del Veneto, Luca Zaia, che sventola una bandiera veneta, e l’ex ministro Roberto Calderoli.

Il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, ex segretario della Lega Nord, non è alla manifestazione del Carroccio in piazza Duomo,  che sarà conclusa dal segretario Matteo Salvini. E, a quanto si apprende, non vi parteciperà. La sua presenza era attesa e ha colto di sorpresa chi è già in piazza Duomo.