Milano, tragedia all’alba: Filippino uccide figlio 16enne, poi si toglie vita

di redazione Blitz
Pubblicato il 18 Ottobre 2014 8:39 | Ultimo aggiornamento: 18 Ottobre 2014 9:14
Milano, tragedia all'alba: Filippino uccide figlio 16enne, poi si toglie vita

Milano, tragedia all’alba: Filippino uccide figlio 16enne, poi si toglie vita

MILANO – Omicidio-suicidio all’alba a Milano. Un filippino di 43 anni ha ucciso il figlio sedicenne a coltellate ferendo anche la moglie e la figlia di 20 prima di togliersi la vita. Sul posto è intervenuta la polizia per i dovuti rilievi e accertamenti.

Quando i soccorritori sono arrivati nell’appartamento in largo Caccia Dominioni si sono trovati di fronte a una scena raccapricciante, con il capofamiglia già deceduto, sul letto, che ancora stringeva un coltello conficcato nella sua stessa gola. Ai suoi piedi, riverso a terra, il figlio, anch’egli privo di vita, con la gola tagliata. 

La tragedia si è consumata poco prima delle 6: a dare l’allarme è stata la moglie, ferita alla schiena dal marito, sempre col coltello. La donna, di 48 anni, è stata trasportata in codice giallo al Fatebenefratelli di Milano e non sarebbe in pericolo di vita.

Più gravi le condizioni dell’altra figlia, una ragazza di 20 anni, ferita da una coltellata all’addome, che è stata trasportata in codice rosso alla clinica Humanitas di Rozzano (Milano) dove è stata sottoposta ad un intervento chirurgico.