Minaccia il titolare del deposito giudiziario con la pistola per riavere l’auto: ventenne arrestato a Bagheria

di redazione Blitz
Pubblicato il 17 Luglio 2020 10:30 | Ultimo aggiornamento: 17 Luglio 2020 10:30
Carabinieri arrestano ventenne

Minaccia titolare deposito giudiziario con la pistola per riavere l’auto: ventenne arrestato a Bagheria (foto Ansa)

Ventenne arrestato per aver minacciato con una pistola il titolare di un deposito giudiziario per riavere l’auto. I Carabinieri hanno eseguito la misura cautelare in carcere.

Ventenne è stato arrestato dai Carabinieri della compagnia di Bagheria in provincia di Palermo.

Il ragazzo ha preccedenti. La sua convalida è stata decisa dal gip di Termini Imerese.

Il giovane è accusato di tentata estorsione, detenzione e porto illegale di arma comune da sparo, resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale.

I fatti risalgono alla sera dell’11 giugno, quando, durante un posto di controllo, l’uomo, alla guida della propria auto già sottoposta a sequestro amministrativo,

non si è fermato all’Alt intimato dalla pattuglia, dandosi alla fuga e compiendo una serie di manovre rischiose.

Subito dopo essere stato bloccato,

i militari hanno richiesto l’intervento del custode giudiziario e il giovane ha cominciato a colpire l’auto.

Successivamente si è recato da solo presso il punto territoriale di emergenza di Bagheria per farsi medicare alcune escoriazioni al braccio che si era provocato.

Qui ha minacciato di morte il medico di turno e l’infermiere al fine di costringerli a cestinare il referto medico in cui si dava atto delle reali circostanze del ferimento,

legate al fatto che aveva preso a pugni la propria autovettura.

Infine la mattina seguente si è recato presso il deposito giudiziario e,

per ottenere la riconsegna del veicolo,

ha minacciato ripetutamente di morte il titolare impugnando una pistola illegalmente detenuta ed esplodendo uno o più colpi.

E’ stato infine condotto nel carcere di Pagliarelli (fonte: Agi).