Minerbio (Bologna), due bambini morti nello stesso giorno. Una comunità in lutto

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 aprile 2018 0:42 | Ultimo aggiornamento: 14 aprile 2018 0:42
Minerbio (Bologna), due bambini morti nello stesso giorno. Una comunità in lutto

Minerbio (Bologna), due bambini morti nello stesso giorno. Una comunità in lutto

MINERBIO, BOLOGNA – Una neonata di nemmeno un mese è morta giovedì 12 aprile, probabilmente per cause naturali, a Minerbio, il Comune del bolognese dove sempre ieri un altro bimbo di 19 mesi è deceduto dopo essersi sentito male all’asilo.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

La piccola, che aveva solo 24 giorni, è morta nella casa dei genitori nella frazione di Ca’ de Fabbri. A quanto si apprende, i soccorsi sono stati chiamati appena i familiari si sono accorti che la neonata non piangeva, ma la corsa in ambulanza verso l’ospedale è stata inutile.

Per stringersi alle due famiglie colpite dal grave lutto, un gruppo di mamme di Minerbio ha organizzato una fiaccolata domenica sera alle 20.30 davanti alla chiesa del paese; il sindaco Lorenzo Minganti ha detto che il Comune darà una mano “ma a condizione che le famiglie siano d’accordo”. Minganti ha incontrato le dipendenti del micronido in cui è avvenuta la tragedia che riguarda il piccolo Alessandro: “Sono ancora sconvolte, oggi la struttura è rimasta chiusa. Domani è in programma un incontro con i genitori dei bimbi nel quale esporranno la situazione e insieme decideranno quando riaprire dalla prossima settimana”.

“Sono passati dalla chiesa per un momento di preghiera, io ero lì e abbiamo parlato. Ci siamo scambiati un abbraccio: sentirsi soli in questo momento è molto difficile”. Lo ha detto don Franco Lodi, parroco della chiesa di San Giovanni Battista di Minerbio.

Il sacerdote ha incontrato i genitori del piccolo deceduto all’asilo. “Loro hanno condiviso questo momento, essendo molto credenti, in uno spirito di preghiera – ha aggiunto don Franco Lodi –  hanno sentito la necessità di venire in chiesa per affidare, a chi glielo ha donato, questo bimbo. Per rileggere il dolore che stanno vivendo. Sono una famiglia unita e molto presente nella vita del paese e della chiesa”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other