Mini naja, primo ok dalla Camera: tra 18 e 22 anni sei mesi di caserma e studio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 marzo 2019 19:53 | Ultimo aggiornamento: 27 marzo 2019 19:54
mini naja

Mini naja, primo ok dalla Camera: tra 18 e 22 anni sei mesi di caserma e studio

ROMA – Corsi di e-learning, permanenza in caserme e strutture formative delle Forze armate ma anche studio dei valori della cittadinanza e della difesa della Patria e della conoscenza delle principali minacce alla sicurezza interna e internazionale: si articola in questo la ‘mini naja‘ di sei mesi prevista dalla proposta di legge approvata dall’Aula della Camera con il solo voto contrario di Leu e che ora passa al Senato.

La proposta di legge avvia un progetto sperimentale per valutare la possibilità di svolgere percorsi formativi in ambito militare, su base volontaria, rivolti a cittadini italiani diplomati di età compresa tra i 18 e i 22 anni che “non abbiano tenuto nei confronti delle Istituzioni politiche dello Stato comportamenti che non diano garanzia di assoluta fedeltà alla Costituzione ed alle esigenze della sicurezza nazionale”.

Il progetto di formazione semestrale di formazione in ambito militare, la cui frequenza non sarà retribuita ma farà maturare crediti universitari e titoli per la valutazione ad ufficiale di complemento, si articola in corsi di studio in modalità e-learning, ma anche con la permanenza presso le strutture formative, operative e addestrative delle Forze armate e dell’Arma dei carabinieri. Sono previste sessioni formative per la comprensione del valore civico della difesa della patria quale sacro dovere di ogni cittadino, la cognizione degli alti valori connessi alla difesa delle istituzioni democratiche attraverso lo strumento militare in Italia e all’estero.

Ma nei sei mesi di corso verranno anche approfonditi i principi fondamentali dell’ordinamento militare e la conoscenza delle principali minacce alla sicurezza interna e internazionale. Per sei mesi, dunque, i giovani studieranno le Istituzioni preposte alla protezione cibernetica nazionale, con una conoscenza approfondita del tema relativo all’evoluzione delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione nell’ambito delle Forze armate e al conseguente sviluppo di adeguati sistemi di difesa cibernetica. (fonte: ANSA)