Miracolo a Loreto? Sotto esame la misteriosa guarigione di Gabriella Gardini

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 novembre 2014 6:53 | Ultimo aggiornamento: 31 ottobre 2014 21:02
Miracolo a Loreto? Sotto esame la misteriosa guarigione di Gabriella Gardini

Miracolo a Loreto? Sotto esame la misteriosa guarigione di Gabriella Gardini

ROMA – Un “caso straordinario” e apparentemente inspiegabile: una guarigione improvvisa di un foro maculare miopico ad un occhio. Potrebbe essere questo il primo possibile miracolo avvenuto presso la Santa Casa di Loreto. Il caso è stato presentato nella serata di venerdì 31 ottobre presso il Santuario stesso e riguarda una donna, Gabriella Gardini, che ha raccontato la sua vicenda in una conferenza stampa.

“La frase che ho detto quanto ho ricevuto questo immenso regalo – ha affermato la donna – è stata ‘non sono degna’. Sono una mamma di una figlia autistica, una nonna, una moglie, quattro anni fa mi è stato diagnosticato un foro maculare miopico di quattro millimetri.

Il 14 settembre 2010 c’era la processione con la Madonna Nera di Loreto, io quando l’ho vista in chiesa ho iniziato a piangere senza sapere perché, sono andata all’altare, ho toccato la Madonna e ho passato le mani sui miei occhi, poi sono andata a casa”.

“Dopo un mese – ha quindi riferito la signora Gabriella – sono andata dall’oculista e quando mi ha visitata ha detto: ‘Qui abbiamo sbagliato occhio, il foro non c’è più'”.

Il caso, è stato spiegato, viene ritenuto straordinario poiché non sono stati registrati a livello mondiale altri casi di chiusura spontanea di un foro maculare miopico e così l’evento viene considerato inspiegabile per le particolari caratteristiche dell’occhio affetto dalla miopia degenerativa. Ora il caso è al vaglio dell’Osservatorio medico “Ottaviano Paleani”.

Il caso, ha commentato mons. Giovanni Tonucci, vescovo di Loreto – ci aiuta a credere sempre di più nel cammino intrapreso con questo Osservatorio. Chi ha del miracolo una visione spettacolare e superficiale si attendeva magari grida istantanee di prodigio ma il nostro è un percorso serio che prevede un doppio esame di tutte le questioni sottoposte”.

“L’Unitalsi – ha detto intervenendo il presidente dell’Unione nazionale italiana trasporto ammalati a Lourdes e santuari internazionali, Salvatore Pagliuca – è presente a Loreto dal 1932 e in tutti questi anni ha influito sulla vita del Santuario. Il miracolo fisico è un mezzo per continuare a credere in quello che è il miracolo più frequente e importante che si verifica in un pellegrinaggio: quello dello spirito e della conversione”.