Miss Italia avverte il mercato: “Non vendo il mio corpo”

Pubblicato il 21 Settembre 2011 12:31 | Ultimo aggiornamento: 21 Settembre 2011 12:45

ROMA – Primo, e di questi tempi doveroso, avviso al mercato da parte della neo eletta Miss Italia. Fresca di fascia, Stefania Bivone ha chiarito: “Non venderei mai il mio corpo”. Estimatori e potenziali acquirenti ne tengano conto. E’ stata certo, quella della nuova Miss Italia, una delimitazione, una sorta di autolimitazione dei possibili percorsi di carriera dopo l’elezione. Una posizione, quella espressa dalla Bivone, in netto contrasto con il manifesto ideologico-culturale esposto in tv da Terry De Nicolò, quella del “per guadagnare ventimila euro al mese bisogna vendersi anche la mamma“. Di questi tempi occorre pronunciarsi con chiarezza.

Seconda dichiarazione della Bivone: “Anni fa la Calabria era una delle Regioni più sviluppate fino a che non sono venuti i piemontesi e hanno rovinato tutte le fabbriche”. Applausi dai politici calabresi per questa “leghismo sudista” sostenuto da una storia immaginata più che studiata. Indisponibile a “cene eleganti” e “sudista”: Stefania Bivone, una Miss Italia dei giorni nostri.