Modena: diffamò e minacciò via Fb, animalista espierà la pena nel call center della Asl

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Settembre 2019 13:33 | Ultimo aggiornamento: 12 Settembre 2019 13:33
Modena, diffamatrice su Facebook espierà facendo la centralinista Asl

Una schermata Facebook

ROMA – Si era lasciata andare sui social: diffamazioni presto scivolate in palesi intimidazioni, minacce insomma anche se via Facebook. Una donna di Modena, animalista convinta, ha trovato un modo sportivo e tutto sommato utile di estinguere la sua colpa. Lei stessa ha proposto al giudice – perché le sue minacce a una conoscente le sono costate processo e multa da 5mila euro – una pena alternativa. Proposta accolta: dovrà rispondere come centralinista al call center della azienda sanitaria locale della sua città.

Dovrà rispondere con pazienza e cortesia, si intende, per 160 ore: solo quando i dirigenti della Asl confermeranno la bontà dell’esperimento espiatorio, solo allora la sua pena sarà estinta. Frasi come “se ti incontro…”, cioè toni minacciosi e sbrigativi passaggi alle vie di fatto, non saranno ammessi. Tutto bene quel che finisce bene? Forse, ma non per tutti: la parte lesa, infatti, reclama i suoi diritti. La diffamatrice pentita faccia pure la centralinista virtuosa, intanto lei proseguirà la causa in sede civile. (fonte Gazzetta di Modena)