Monteforte Irpino, perizia: “Sul bus freni completamente fuori uso”

di redazione Blitz
Pubblicato il 19 gennaio 2014 9:52 | Ultimo aggiornamento: 19 gennaio 2014 10:02
I funerali delle vittime

I funerali delle vittime

AVELLINO – L’impianto frenante del bus precipitato il 28 luglio dell’anno scorso dal viadotto autostradale di Monteforte Irpino, in provincia di Avellino (40 furono le vittime), sarebbe stato completamente fuori uso al momento dell’incidente: è quanto filtra dopo la conclusione della perizia che i consulenti della Procura di Avellino hanno completato stamattina in un’officina specializzata di Casoria (Napoli).

Secondo quanto si è appreso, i freni posteriori del bus guidato da Ciro Lametta, morto insieme ai 39 passeggeri che tornavano a Pozzuoli (Napoli) da un pellegrinaggio a Pietrelcina (Benevento), non hanno risposto alle sollecitazioni dell’autista. Sarebbe anche emerso che la valvola di sicurezza che attiva i freni di emergenza anteriori non avrebbe funzionato.

L’accertamento dei consulenti della Procura di Avellino, Alessandro Lima e Lorenzo Caranna, è stato effettuato montando l’impianto frenante del bus incidentato su un omologo automezzo della stessa casa produttrice. L’inchiesta della Procura della Repubblica di Avellino punta anche ad accertare le eventuali responsabilità per la condizioni del tratto stradale dove si verificò l’incidente e del new jersey che non resse all’urto dell’autobus.