Favori ai clan, arrestati sindaco e assessore in provincia di Benevento

Pubblicato il 12 Maggio 2011 9:12 | Ultimo aggiornamento: 12 Maggio 2011 10:33

NAPOLI – Il sindaco Pdl del Comune di Montesarchio (Benevento), Antonio Izzo e l’assessore ai Lavori Pubblici e Protezione Civile della sua giunta, Silvio Paradisi sono stati arrestati dai carabinieri con l’accusa di associazione camorristica e reati elettorali. Sono accusati di essersi fatti sostenere nella campagna elettorale in corso dal clan camorristico Iadanza-Panella.

Nel corso dell’ operazione dei carabinieri di Benevento sono state arrestate complessivamente 19 persone. I due amministratori avevano concesso al clan, in cambio del sostegno elettorale, appalti per mense scolastiche, parcheggi e raccolta dei rifiuti.

L’inchiesta che ha portato giovedì mattina agli arresti non riguarda l’attuale tornata elettorale (a Montesarchio domenica prossima non si vota), come si era appreso in un primo momento, ma quella del 2003 quando Izzo fu eletto per la prima volta. Il sindaco fu poi riconfermato nella carica nelle successive elezioni, svoltesi tre anni fa. Nel corso degli anni il sindaco e l’assessore avrebbero ‘ricambiato’ il sostegno elettorale del clan camorristico Iadanza-Panella, favorendolo con la concessione di una serie di appalti.