“I profughi qui non giocano a calcio”. A Mortara (Pavia)…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 Settembre 2015 8:47 | Ultimo aggiornamento: 22 Settembre 2015 8:57
Mortara (Pavia), sindaco Lega nega campo calcio a profughi

(Foto d’archivio)

MORTARA (PAVIA) – Il sindaco leghista nega il campo da calcio alla squadra di richiedenti asilo. Succede a Mortara, in provincia di Pavia. Qui, ci informa Claudio Bressani sulla Stampa, La società Mortara Calcio, che milita in seconda categoria, aveva concesso l’uso del campo sportivo comunale in cui si allena per due sere alla settimana alla cooperativa Faber, che ospita 131 richiedenti asilo. 

I profughi, tra cui ci sono anche alcuni libici che in patria giocavano come professionisti, volevano allenarsi. Il presidente della cooperativa, Fabio Garavaglia, pensava che fosse anche una possibilità per trovare qualche talento, come ha spiegato alla Stampa. Ma il sindaco del paese, Marco Facchinotti, ha deciso altrimenti.

La spiegazione ufficiale: il subaffidamento dei campi non è ammesso. Chi lo fa perde la convenzione stipulata con il Comune per la loro gestione, per la quale la società Mortara Calcio percepisce un contributo di 40mila euro l’anno, spiega Bressani sulla Stampa.

Così Massimo Sommi, che della Mortara Calcio è il presidente, è tornato sui propri passi, revocando l’accordo con la cooperativa Faber.