Morte sul lavoro al porto di Livorno, sciopero di tutti i portuali italiani

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 Marzo 2015 16:35 | Ultimo aggiornamento: 17 Marzo 2015 16:36
Morte sul lavoro al porto di Livorno, sciopero di tutti i portuali italiani

Il porto di Livorno

LIVORNO – Incidente mortale al porto di Livorno: Priscillano Inoc, filippino di 62 anni, è rimasto ucciso nella notte tra lunedì e martedì, schiacciato da un muletto durante le operazioni di scarico di una nave che trasportava cellulosa, spiega Mauro Zucchelli sul Tirreno. Cigl, Cisl e Uil hanno proclamato sciopero dei lavoratori portuali fino alle 1:30 di notte. Per la giornata di mercoledì, invece, è stato proclamato uno sciopero in tutti i porti italiani.

“Abbiamo proclamato sciopero appena stamattina abbiamo saputo della tragedia, ha spiegato Simone Angella della Cgil, ora ci stiamo attrezzando per poter destinare il denaro della giornata lavorativa persa con lo sciopero ai familiari della vittima”.

Inoc era stato portato in ambulanza, ma le sue condizioni erano apparse subito gravi. L’uomo era rimasto schiacciato mentre stava seguendo con un walkie talkie le operazioni di sbarco di un carico di cellulosa all’Alto Fondale. A quella banchina lunedì era arrivata la Toki Arrows, una general cargo lunga 200 metri battente bandiera panamense ma in arrivo da Tarragona (Spagna), dove aveva fatto scalo dopo aver attraversato l’Atlantico dal Brasile. Nella notte, l’incidente mortale. Mercoledì lo sciopero generale di tutti i portuali.