Meno morti sul lavoro in Italia: nel 2011 920 morti, dato più basso di sempre

Pubblicato il 10 luglio 2012 11:55 | Ultimo aggiornamento: 10 luglio 2012 12:02

ROMA – Diminuiscono le morti bianche in Italia: nel 2011 i morti sul lavoro sono stati 920, il numero più basso mai registrato, in ulteriore calo del 5,4% rispetto ai 973 dell’anno precedente. Lo comunica l’Inail presentando il rapporto annuale. In calo anche il totale degli infortuni sul lavoro denunciati all’Istituto: 725 mila, in flessione del 6,6% rispetto ai 776 mila del 2010.

Nel 2011, dunque, sono stati 51 mila in meno gli infortuni sul lavoro denunciati all’Inail; mentre per il secondo anno consecutivo il numero dei casi mortali resta al di sotto dei mille. In queste cifre – sottolinea l’Inail – non rientrano gli infortuni relativi ai quasi 3 milioni (secondo i dati Istat) lavoratori ‘in nero’, tra i quali l’Istituto stima che nel 2010 (ultima proiezione disponibile) ne siano accaduti circa 164 mila, rientranti per lo più in un range di gravità medio-lieve (165 mila era stata la pressoché analoga stima per il 2009). Tornando ai dati 2011, la diminuzione degli infortuni del 6,6% registrata sul 2010 è una media del calo che ha riguardato sia quelli ‘in occasione di lavoro’ sia quelli ‘in itinere’. Il decremento è più sensibile per gli infortuni in itinere (-7,1%), che per quelli avvenuti in occasione di lavoro (-6,5%), che rappresentano circa il 90% del complesso delle denunce. Gli infortuni in occasione di lavoro tra i lavoratori che operano sulla strada (autotrasportatori di merci e persone, rappresentanti di commercio, addetti alla manutenzione stradale, ecc.), dopo alcuni anni di costante aumento, segnano nel 2011 una flessione dell’8,4% (da 54.601 a 50.028 casi denunciati).

Al contrario, il calo nel complesso del 5,4% dei casi mortali è influenzato esclusivamente dagli infortuni in occasione di lavoro (-8,6%), che scendono da 744 a 680 casi. Gli infortuni mortali in itinere hanno invece conosciuto in termini percentuali un sensibile aumento dei decessi: +4,8%, 11 morti in più (da 229 a 240), rispetto al 2010.

La salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro ”sono un fattore produttivo”. Lo sottolinea il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Elsa Fornero, intervenendo alla presentazione del rapporto annuale dell’Inail. Salute e sicurezza non vanno visti ”più come mero onere, come gravame burocratico ma come fattore produttivo, di incentivo” rispetto al capitale umano, afferma Fornero. E questo, aggiunge, ”richiede un radicamento diffuso della cultura della prevenzione”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other