Morto Francesco Coda Zabet, cadavere ripescato nel Po: è suicidio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 agosto 2017 13:46 | Ultimo aggiornamento: 2 agosto 2017 13:46
Morto Francesco Coda Zabet, cadavere ripescato nel Po: è suicidio

Morto Francesco Coda Zabet, cadavere ripescato nel Po: è suicidio

TORINO – È di Francesco Coda Zabet, storico esponente del vecchio Psi craxiano, il corpo ripescato ieri pomeriggio, 1 agosto, nel fiume Stura, all’altezza della diga, a Torino.

I familiari, che ne avevano denunciato la scomparsa lo scorso 23 luglio al commissariato San Donato, l’hanno riconosciuto allo studio di medicina legale. Sul corpo non vi sono segni di violenza e gli investigatori pensano che si sia trattato di un suicidio.

Zabet, di origine biellese, era un nome noto del partito socialista ai tempi di Bettino Craxi e Giuliano Amato. Negli anni ’70 era passato dal Psiup al Psi, entrando nella corrente del segretario Francesco De Martino. Tra i suoi incarichi quello di consigliere della Cassa di Risparmio di Torino. Novant’anni tra pochi giorni, Zabet era soprannominato il “ras delle tessere”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other