Morto Roberto Michielon, operaio travolto da una frana a Treviso

di redazione Blitz
Pubblicato il 21 Maggio 2014 14:15 | Ultimo aggiornamento: 21 Maggio 2014 14:17

72mo Anniversario di Fondazione dei Vigili del FuocoVALDOBBIADENE (TREVISO) – E’ morto l’operaio rimasto sepolto da una frana di terra a Valdobbiadene mentre con un cugino, salvato dai pompieri, stava eseguendo uno scavo in un vigneto. Il corpo di Roberto Michielon, 47 anni, di Pederobba (Treviso), è stato individuato dai vigili del fuoco dopo ore passate a cercare di salvarlo. Il suo collega Ivan Michielon, (39), probabilmente cugino della vittima, è invece stato trasportato al pronto soccorso con lesioni da schiacciamento agli arti inferiori. L’uomo non sarebbe in pericolo di vita. Mercoledì mattina due operai dipendenti di un’azienda incaricata di posare tubature sono rimasti sepolti da una massa di terreno franata da un pendio.  L’incidente è avvenuto in un terreno agricolo, alla base di un pendio dove i due operai stavano eseguendo degli scavi. Roberto Michielon era assessore comunale a Pederobba. I lavori che i due cugini stavano eseguendo dovevano servire per posare una conduttura idraulica in un vigneto. Il volume di terra che ha coinvolto i due operai sarebbe caduto in parte da un cumulo che loro stessi avevano ammassato nell’eseguire lo scavo.